giovedì 20 ottobre

di | 20 Ottobre 2016

home2siracide 30,21-25

21Non darti in balìa della tristezza
e non tormentarti con i tuoi pensieri.
22La gioia del cuore è la vita dell’uomo,
l’allegria dell’uomo è lunga vita.
23Distraiti e consola il tuo cuore,
tieni lontana la profonda tristezza,
perché la tristezza ha rovinato molti
e in essa non c’è alcun vantaggio.
24Gelosia e ira accorciano i giorni,
le preoccupazioni anticipano la vecchiaia.
25Un cuore limpido e sereno si accontenta dei cibi
e gusta tutto quello che mangia.

Commento

Ho lasciato da soli questi ultimi versetti del capitolo 30 perché ci parlano di alcuni sentimenti che tante volte anche noi viviamo. O meglio come dice siracide, di cui siamo in balia. Certo anche qui i sentimenti sono descritti come contrapposizione: gioia e tristezza. Allegria e gioia sono segno di una lunga vita, mentre la tristezza rovina la vita. Nella sapienza antica si dice così: non lasciare entrare la tristezza nel tuo cuore, la stessa cosa si dice della gelosia, dell’invidia, dell’ira, sono tutti sentimenti che uccidono la gioia del cuore. La serenità del cuore invece protegge la salute dell’uomo e rende possibile un buon rapporto con se stessi. Questa è la descrizione che fa siracide dei vari sentimenti umani. Credo che tutto questo è profondamente vero: quando mi prende la tristezza e la malinconia il mio cuore va in confusione e vede solo le cose che non funzionano, vede solo il negativo. A volte mi lascio anche coccolare dalla tristezza, è come se non volessi venire a capo di questa questione. Ed invece è solo in me stesso che devo trovare la forza di stare nella gioia e nella fiducia. I sentimenti sono qualcosa di bellissimo, ma insieme di terribile. È il cuore dell’uomo che deve saper ascoltare e governare i sentimenti e non invece lasciare che il sentimento leghi come in un terribile legaccio l’uomo.

Preghiamo

Preghiamo per Lidia

3 pensieri su “giovedì 20 ottobre

  1. Elena

    Grandi parole, grandi verità quelle odierne di Siracide. L’uomo è fatto per vivere in armonia con se stesso, con gli altri, con Dio. Per questo, credo, il Signore ci ha chiamati alla vita con immenso amore e con gioia!
    Che la gioia abiti sostanzialmente i nostri spiriti, indipendentemente dalla fatica stessa del vivere che, se ben accolta, diventa un po’ meno dura e un poco più lieve. Più resistenza si fa, più è difficile superare gli ostacoli, è come quando si rema contro, o si vola controvento…
    Un pensiero ed una preghiera per Lidia…

    Rispondi
  2. sr.Alida

    Tieni lontana la profonda tristezza ,un cuore limpido e sereno ,si accontenta e vive con pace e serenità la vita in tutte le sue espressioni ..
    Ci può essere pace e serenità anche nella sofferenza ..alcune per sone ci comunicano questo cammino interiore…le penso con gratitudine …è cosi facile nella nostra vita lasciarsi portar via l ‘Essenziale e allora prevale il negativo ,la freddezza,la tristezza …..
    Il bene e l’amore che il Signore ci vuole ci riporta a casa ,con cura ,e se non si puo’ essere sempre nella gioia ,si può sempre essere nella pace ..prego per Lidia e aiuti anche noi il Signore ….

    Rispondi
  3. sr Rita

    “Il cuore limpido e sereno gusta tutto ciò che mangia.” E noi “mangiamo” molte cose che ci possono rendere sereni e limpidi: relazioni buone, parole sagge, bellezza della natura, incontri positivi con le persone, alimenti frutto della natura, contenuti di conoscenza e scienza…. Ci aiuti il buon Dio a nutrire ci bene, di bello, di buono e la nostra vita sarà serena e limpida.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.