sabato 7 gennaio

di | 6 Gennaio 2017

matisseMercoledì 3 gennaio ’17 – Mt 3,13-17       

13 Allora Gesù dalla Galilea venne al Giordano da Giovanni, per farsi battezzare da lui. 14 Giovanni però voleva impedirglielo, dicendo: «Sono io che ho bisogno di essere battezzato da te, e tu vieni da me?». 15 Ma Gesù gli rispose: «Lascia fare per ora, perché conviene che adempiamo ogni giustizia». Allora egli lo lasciò fare. 16 Appena battezzato, Gesù uscì dall’acqua: ed ecco, si aprirono per lui i cieli ed egli vide lo Spirito di Dio discendere come una colomba e venire sopra di lui. 17 Ed ecco una voce dal cielo che diceva: «Questi è il Figlio mio, l’amato: in lui ho posto il mio compiacimento».

Commento

ancora in alto mare con l’influenza. é vero che lo troveremo anche domenica, ma vediamo di incominciare un primo commento all’episodio del battesimo di Gesù al Giordano da parte di Giovanni. È il primo atto della vita pubblica di Gesù. È un atto giusto dice Gesù, il testo dice perché adempiamo ogni giustizia. La “giustizia” di cui parla Gesù è tutta l’opera divina di salvezza che comprende tutta la creazione e tutta la storia del popolo di Dio, di cui Giovanni è l’ultima voce profetica di attesa e di preparazione. La giustizia divina non è infatti una norma fissa e una dottrina intellettuale e morale, ma è appunto una “storia” che Dio stesso conduce attraverso vicende e persone che rivelano il cammino progressivo della volontà divina di salvezza. ‘ultimo passo di questa giustizia è il gesto che Gesù compie al Giordano. Egli, immergendosi nelle acque del fiume, si unisce alla vicenda e al cammino dell’umanità peccatrice che viene condotta verso la salvezza, provocherà la rivelazione divina della sua realtà profonda di Figlio unigenito di Dio Padre, l’Amato di Dio.

preghiamo

preghiamo per Bianca

3 pensieri su “sabato 7 gennaio

  1. sr Rita

    “Lascia fare per ora, perché conviene che adempiamo ogni giustizia». Allora egli lo lasciò fare. Quando s lascia fare al Signore lo Spirito si rivela, parla in nome del Padre e definisce l’identità del Figlio. Ci insegni il Signore a lasciarlo fare, credendo e obbedendo.

    Rispondi
  2. Elena

    “il Figlio mio, l’amato”
    È bello pensare e credere, sapere, di essere figli amati. E come ci ama questo Dio fatto uomo solo per amore? Realizzando il suo progetto attraverso ciascuno di noi. Bello…. Diamo fiducia a questi Dio grande, amorevole e misericordioso! Una preghiera oer Bianca e anche per te Don, affinché possa ristabilirti presto e bene!

    Rispondi
  3. Silvia

    Di solito se ho bisogno di qualcosa vado a prenderlo,se ho bisogno di qualcuno vado…insomma sono abituata ad andare e forse siamo stati abituati a cercare il più possibile di non aver bisogno di nessuno, di cavarcela da noi. Gesù ci chiede un cambio, anzi appunto di lasciar fare a lui, Giovanni obbedisce e riconosce: “ho bisogno di te…ma sei tu che vieni da me” proprio perché abbiamo un disperato bisogno di te tu vieni incontro a noi e ti fai uno con noi. Grazie Signore Gesù! Senza di te veramente non andiamo tanto lontano!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.