mercoledì 3 luglio

di | 2 Luglio 2019

1 Pt 2,18-25                                                                                   18 Domestici, state soggetti con profondo rispetto ai vostri padroni, non solo a quelli buoni e miti, ma anche a quelli difficili. 19 È una grazia per chi conosce Dio subire afflizioni, soffrendo ingiustamente; 20 che gloria sarebbe infatti sopportare il castigo se avete mancato? Ma se facendo il bene sopporterete con pazienza la sofferenza, ciò sarà gradito davanti a Dio. 21 A questo infatti siete stati chiamati, poiché anche Cristo patì per voi, lasciandovi un esempio, perché ne seguiate le orme: 22 egli non commise peccato e non si trovò inganno sulla sua bocca, 23 oltraggiato non rispondeva con oltraggi, e soffrendo non minacciava vendetta, ma rimetteva la sua causa a colui che giudica con giustizia. 24 Egli portò i nostri peccati nel suo corpo sul legno della croce, perché, non vivendo più per il peccato, vivessimo per la giustizia; 25 dalle sue piaghe siete stati guariti. Eravate erranti come pecore, ma ora siete tornati al pastore e guardiano delle vostre anime.

Commento

Possiamo continuare a pensare che queste parole sui servi e padroni, come quelle di ieri sui governanti, siano fuori luogo.  In realtà mi sembra che il testo è come se facesse riferimento alla passione di  Gesù servo obbediente e quindi questa di cui parla Paolo non si tratta di una sottomissione di carattere sociale, ma di carattere divino: siamo chiamati ad essere servi, ad operare il bene nella forza e nella mitezza che sono stati del Signore Gesù, l’uomo della croce. Addirittura vi è come una grazia dentro questa logica del servizio. è “una grazia di Dio” soffrire con pazienza facendo il bene. La “grazia” sta nella fecondità di ogni sofferenza umana, perché misteriosamente unita a quella di Cristo, con la quale Egli ha salvato il mondo: “Dalle sue piaghe siamo stati guariti”, Dalla coscienza di questa “grazia”, di questa fecondità, dell’affidamento a Dio (“rimetteva la sua causa a colui che giudica con giustizia”) nasce la mitezza di Cristo e dei suoi discepoli, il suo e loro non rispondere male per male, la rinuncia ad ogni violenza e vendetta. Da questa bella testimonianza di fede in Dio e di amore per il prossimo il frutto che riceviamo è buono: la conversione al “pastore e guardiano delle nostre anime”.

Preghiamo

Preghiamo per tutti i nostri ragazzi

3 pensieri su “mercoledì 3 luglio

  1. sr Alida

    Operare il bene con pazienza e mitezza è grazia data da Dio ,ma possiamo in Gesù e guardando e affidandoci a Lui ….poichè dalle sue piaghe guariti affidiamo a Lui tutti i nostri ragazzi ,le famiglie ,le persone che faticano a credere ,e sempre a Lui che ha sofferto affidiamo ogni sofferenza ,ci aiuti ad essere solidali ..

    Rispondi
  2. Elena

    Prego con voi, perché una vita bella è fatta anche di servizio e di pazienza che diventano feconde se nutrite con amore e per amore, come il Signore ci ha insegnato…
    Prego con voi secondo.le intenzioni del cuore di ciascuno.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.