mercoledì 23 ottobre

di | 22 Ottobre 2019

salmo 100 – INVITO A COMPORRE CANTI E DANZE

Fortunato il popolo che ancora canta! O meglio: beata la gente che sa inventare la sua preghiera; e si presenta a Dio con i suoi canti spontanei, in cui vibra ogni suo sentimento in melodie fascinose di amore e di delusione, di gioia e di dolore.

1 Salmo. Per il rendimento di grazie.

2 Acclamate il Signore, voi tutti della terra,
servite il Signore nella gioia,
presentatevi a lui con esultanza.

,3 Riconoscete che solo il Signore è Dio:
egli ci ha fatti e noi siamo suoi,
suo popolo e gregge del suo pascolo.

4 Varcate le sue porte con inni di grazie,
i suoi atri con canti di lode,
lodatelo, benedite il suo nome;

5 perché buono è il Signore,
il suo amore è per sempre,
la sua fedeltà di generazione in generazione.

Commento

Si tratta di una cantata liturgica di lode, di fede e di gioia. In un’ondata di entusiasmo Israele proclama la sua fede nel «Signore buono» il cui amore è eterno e riafferma la sua coscienza di essere il popolo dell’alleanza, legato da un rapporto intenso e personale col suo Dio. Il v. 3:  “Riconoscete che solo il Signore è Dio: egli ci ha fatti e noi siamo suoi, suo popolo e gregge del suo pascolo. ” costituisce l’articolo di fede fondamentale della teologia di tutto l’ Antico Testamento, perché in esso si afferma la dottrina dell’unicità di Dio, della creazione e dell’elezione. Israele credo in un solo Dio che è il creatore del mondo, e che elegge il più piccolo di tutti  i popoli come suo popolo eletto. Dio ama ciò che è piccolo e sceglie ciò che è fragile e salva chi riconosce la sua debolezza.

Preghiamo

Preghiamo per Daniele

4 pensieri su “mercoledì 23 ottobre

  1. Sr Rita

    …servite il Signore nella gioia.
    Si può servire con gioia quando si sa chi si serve e perché lo si serve. Servire non è umiliante. E’ espressione di cura, di amore, di responsabilità. Impariamo dal Signore Gesù a servire perché ama.

    Rispondi
  2. Elena

    Sono belli i canti di gioia e di ringraziamento. Nascono dal cuore, spontanei, e sono pieni di appartenenza, traboccano amore! E vivendo la vita di ogni giorno, capisco che l’amore si rigenera e si espande in ogni direzione, senza limite. Allora, anche il servire, il condividere, il mettere in gioco, l’appartenere, l’abitare hanno un altro sapore ed un altro significato. Sanno diventare gioia e grazia….

    Rispondi
  3. sr Alida

    Il Suo amore è per sempre …ci ha fatti noi siamo suoi ,serviamolo ,presentandoci a Lui con esultanza….Questo presentarsi al Signore ,presentare chi mi vive accanto ,coloro che chiedono di pregare,presentare le nostre piccolezze ,ma anche le nostre speranze ,le nostre cadute ,i nostri ritorni … Grazie Signore per il tesoro della Tua presenza che ci doni …Una preghiera per Daniele e per l’umanità sofferente.

    Rispondi
  4. Anonimo

    Dio ama ciò che è piccolo e sceglie ciò che è fragile…. Quanta tenerezza materna in questa scelta perché ogni cuore aperto all’amore non può non prendersi cura della fragilità, di chi rischia di ferirsi perché inesperto, come un bimbo o ogni essere umano nel suo profondo…. Perché l’umanità vera si misura anche attraverso la nostra fragilità…. Dio è lì ad abbracciarla e a portarla con noi… Preghiamo per Daniele e per Fra Vincenzo che oggi subirà un intervento molto delicato…

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.