martedì 28 febbraio

di | 27 Febbraio 2017

trinità Matteo  11,25-30    

 25 In quel tempo Gesù disse: «Ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli. 26 Sì, o Padre, perché così hai deciso nella tua benevolenza. 27 Tutto è stato dato a me dal Padre mio; nessuno conosce il Figlio se non il Padre, e nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio vorrà rivelarlo. 28 Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro. 29 Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per la vostra vita. 30 Il mio giogo infatti è dolce e il mio peso leggero».

Commento

Concludiamo con questo testo il periodo ordinario ed entriamo da domani nella quaresima. E mi pare bello che si possa concludere proprio con questa bellissima preghiera del Signore.  È una preghiera di lode che contiene una doppia rivelazione: il vangelo rivelato ai piccoli e il giogo da prendere che è dolce e leggero.  Questa preghiera esprime tutta la comunione profonda che esiste tra Gesù e il Padre. Anche noi dobbiamo tendere a questa medesima comunione e intimità.  Hai tenuto nascoste queste cose… vi è come un’azione di nascondimento da parte di Dio della sapienza umana. Questo perché queste sapienze sono inevitabilmente tutte sapienze di grandezza, di superiorità intellettuale spirituale e morale. La grande alternativa scelta da Dio è la sapienza dei piccoli! Questi non possono loro stessi capire e arrivare alle grandi scoperte. Per questo Gesù dice : “…le hai rivelate ai piccoli”. Così è la sapienza divina! Non può essere capita e conquistata dalle capacità dell’uomo, ma può essere solo dono di Dio. Anzi, sembra di capire che il dono stesso sia condizionato alla piccolezza dell’uomo. Solo i piccoli possono ricevere i misteri del Signore. Solo facendosi piccoli si può cogliere e accogliere il dono di Dio. Di questa sapienza dei piccoli si compiace il Signore. Ma chi sono questi piccoli? Non sono forse gli stanchi e gli oppressi?  La promessa del ristoro per la vita è  rivolta proprio a loro. Chi sono questi “stanchi e oppressi”? Ci stanno dentro tutti! Dai peccatori, a tutti quelli che in ogni modo hanno cercato senza successo una strada di senso, di bellezza e di verità. Hanno percorso vie pericolose e faticose. Vie sbagliate e inutilmente violente. Vie che chiedevano tutto e non davano niente. Vie che si sono rivelate tutte “vanità”. Vuoto. Verso di loro, verso tutti noi, non c’è il giudizio che potremmo aspettarci. C’è solo la sua misericordia e il suo desiderio del bene per noi. C’è il suo alto e diretto impegno: “…io vi darò ristoro”.

Preghiamo

Preghiamo per don Giuseppe.

4 pensieri su “martedì 28 febbraio

  1. sr Rita

    Venite a me voi tutti….Chiedo al Signore di dare consolazione ai genitori di un giovane di 23 anni, figlio unico, che questa notte si è impiccato. Venerdì avrebbe festeggiato la laurea. Purtroppo ogni settimana qui nella nostra città c’è un suicidio o omicidio. Dio abbia pietà di noi e ci doni la sapienza die piccoli.

    Rispondi
  2. Elena

    I piccoli, gli stanchi, gli oppressi…. davvero la chiamata, la rivelazione di Gesù è per tutti noi. Nessuno escluso. Eppure la fatica di riconoscerci bisognosi di tutto è cosi difficile da esprimere in preghiera, in ricerca, in giustizia di vita.
    Abbi pietà di noi, Signore, e della nostra piccolezza…. Ti chiediamo ristoro, fiducia,speranza e consolazione. Prego con voi…

    Rispondi
  3. sr Alida

    Ti rendo lode ,Padre…Tutto mi è stato dato dal Padre mio ..Venite a me ….vi darò ristoro ..
    Imparate da me che sono mite e umile di cuore…
    Il Vangelo rivelato ai piccoli e il giogo dolkce e leggero da prendere …..Si,è tutta molto bella questa preghiera e questo invito di Gesu’ .Di conseguenza chiedo mitezza e umiltà di cuore…Di cuore prego per don Giuseppe …e per genitori del giovane 23enne.per chi decide cosi’ della propria vita o di quella altrui …per le nostre intenzioni di bene e sappiamo ricevere in dono dalle Sue mani la vita .

    Rispondi
  4. Anna

    Questa Parola ci chiede l’umilta dell”accettazione della nostra poverta umana e ci fa capre che Dio chiede l’umilta del cuore
    .Penso a chi si sente grande superiore agli altri e ha un atteggiamento superbo verso chi e semplice magari piu povero e bisognoso o ha sbagliato nella vita ed e sconfitto.
    Questa Parola rivoluziona le cose e fa capire quanto siano fortunate le persone che hanno bisogno di Dio e anche degli altri perche Dio le accoglie le rialza e le accetta cosi come sono per poter cominciare un cammino che sa di riscatto di misericordia e di perdono.
    Grazie Gesu! Tu solo hai Parole di Vita vera e aiutaci a credere in Te quando ci sentiamo sconfitti e poveri peccatori poter venire a Te perche ci darai ristoro.
    Preghiamo per la famiglia di quel ragazzo che non si e rifugiato in Dio e cosi disperato ha deciso di non vivere piu.
    Preghiamo per i giovani che non ricerchino ristoro in posti sbagliati ma nella Vita Vera che solo Dio sa.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.