giovedì 1 ottobre

di | 30 Settembre 2020

Mc 8,27-29     

27 Poi Gesù partì con i suoi discepoli verso i villaggi intorno a Cesarèa di Filippo, e per la strada interrogava i suoi discepoli dicendo: «La gente, chi dice che io sia?». 28 Ed essi gli risposero: «Giovanni il Battista; altri dicono Elia e altri uno dei profeti». 29 Ed egli domandava loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». Pietro gli rispose: «Tu sei il Cristo». 30 E ordinò loro severamente di non parlare di lui ad alcuno.

Commento

Questo passo è uno dei punti di svolta del vangelo di Marco. Vi è qui un passaggio molto importante. Chi è Gesù: tu sei il Cristo, risponde Pietro a nome di tutti. Se fino a quel momento Gesù nel vangelo era stato chiamato Gesù, che indica la sua umanità, ora vi è questa nuova definizione, questo nuovo nome: il Cristo. Che significa il Messia. Gesù non è solo uomo, ma il messia atteso. Si aggiunge così un tassello al percorso che Marco fa compiere al suo racconto su Gesù. Da uomo a Messia fino a Figlio di Dio. “La gente, chi dice che io sia?”. Le diverse opinioni suggeriscono che qualcosa la gente vede di Lui e in Lui. “Ma voi, chi dite che io sia?” incalza Gesù. E Pietro mostra di vedere veramente chi sia Gesù: “Tu sei il Cristo”, cioè il Messia, il Consacrato del Signore atteso da tutta la storia e da tutta la profezia della Prima Alleanza. Dunque, si tratta di un “vedere” con lo sguardo che solo Dio stesso può concedere. Un vedere che è solo dono di Dio.  Ritorna la proibizione che abbiamo già incontrata: “E ordinò loro severamente di non parlare di lui ad alcuno”. Sono personalmente convinto che questa richiesta abbia una sua validità perenne. E ritengo che proprio la Parola che oggi ci viene regalata sia quella che spiega il perché di questo silenzio. Il rischio è quello di una “visione” trionfalistica e inautentica della persona e del mistero di Gesù. Una visione attestata su una condizione “vincente” della persona di Gesù. Meglio quindi tacere.

Preghiamo

Preghiamo per i cristiani

Un pensiero su “giovedì 1 ottobre

  1. sr Alida

    Voi chi dite che io sia? Per te chi sono io? Domanda secondo me da rinnovare ogni giorno.. Trovo che e`un cammino anche questa domanda.. Per scoprirlo nel quotidiano che e’quello che ci fa scoprire il suo amore nelle varie situazioni…. Anche se per arrivare a dire che il Signore chi e`veramente mi manca molto, so’ che senza di lui non posso vivere. Preghiamo per i cristiani e auguri a chi ha nome Teresa.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.