domenica 15 gennaio

di | 14 Gennaio 2017

trinità2 domenica T. Ordinario – Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Giovanni, vedendo Gesù venire verso di lui, disse: «Ecco l’agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo! Egli è colui del quale ho detto: “Dopo di me viene un uomo che è avanti a me, perché era prima di me”. Io non lo conoscevo, ma sono venuto a battezzare nell’acqua, perché egli fosse manifestato a Israele».  Giovanni testimoniò dicendo: «Ho contemplato lo Spirito discendere come una colomba dal cielo e rimanere su di lui. Io non lo conoscevo, ma proprio colui che mi ha inviato a battezzare nell’acqua mi disse: “Colui sul quale vedrai discendere e rimanere lo Spirito, è lui che battezza nello Spirito Santo”. E io ho visto e ho testimoniato che questi è il Figlio di Dio».

Commento

Possiamo dire che questa è una “rivelazione di Gesù. Giovanni Battista dichiara “non lo conoscevo” e come conseguenza segue la rivelazione di Gesù stesso. Egli si rivela come l’agnello che toglie i peccati del mondo. Ma chi può togliere il peccato del mondo? Solo qualcuno che sia totalmente amore e capace di donare amore. Ecco perché a Gesù viene attribuita da Giovanni l’immagine dell’agnello. L’agnello evoca il dono di sè: a Pasqua presso gli ebrei veniva sacrificato l’agnello.  Gesù verrà a vincere il nostro disamore con una vita che esprimerà tutta la bellezza, la tenerezza, il fascino del più puro amore. Verrà a servire, verrà a donarsi totalmente, perché nasca nei cuori almeno un germe di quella bontà totalmente limpida che è un segno del divino nel nostro sentire troppo terrestre e opaco. In questo modo Giovanni imparerà a conoscere Gesù. se vogliamo questa è la professione di fede di Giovanni.  Una professione di fede non statica e conclusa, ma aperta a continui interrogativi. Anche noi siamo chiamati a esprimere questa confessione di fede su Gesù. È un cammino che durerà tutta la vita.

Preghiamo

In questa giornata dedicata ai migrati e ai rifugiati preghiamo per tutti coloro che vivono condizioni di disagio e di pericolo perché migranti.

2 pensieri su “domenica 15 gennaio

  1. Sr rita

    GIOVANNI DICE che non conosceva Gesù ma non è vero perché Giovanni e Gesù erano cugini. Eppure Giovanni ha imparato a conoscere in Gesù quel messia che non aveva ancora incontrato nella sua identità. Oltre tutte le belle riflessioni bibliche mi piace imparare da Giovanni a conoscere le persone non solo da un punto di vista carnale ma secondo quello che la persona è per vocazione e missione.

    Rispondi
  2. Elena

    Voglio ricordare come il Signore Gesù non si fermi alla legge, ma scruti il cuore e la mente di ciascuno. Va sempre “OLTRE”. E’ un oltre che supera l’uomo ed ogni uomo, anche il più saggio, il più importante, non può che chinare il capo davanti a ciò che è supremo, da sempre e per sempre.
    Ricordo nella preghiera il dramma dei migranti e ciascun carico di dolore, sofferenza, fatica e mort. Affido al Signore anche Bruno, nel giorno del suo compleanno!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.