venerdì 7 febbraio

di | 7 Febbraio 2020

Lc 11,1-4   

1Gesù si trovava in un luogo a pregare; quando ebbe finito, uno dei suoi discepoli gli disse: «Signore, insegnaci a pregare, come anche Giovanni ha insegnato ai suoi discepoli». 2Ed egli disse loro: «Quando pregate, dite:

Padre, sia santificato il tuo nome, venga il tuo regno;

3dacci ogni giorno il nostro pane quotidiano,

4e perdona a noi i nostri peccati,

anche noi infatti perdoniamo a ogni nostro debitore,

e non abbandonarci alla tentazione».

Commento

 Questa è la versione di Luca del Padre nostro. È un po’ diversa da quella di Matteo. Se questa è la preghiera che, su richiesta dei suoi discepoli Gesù insegna, vuol dire forse che queste sono le parole con cui Gesù pregava e si rivolgeva al padre suo. La versione di Luca è più breve di quella di Matteo. Provo a sottolinearne qualche passaggio. In Luca manca l’aggettivo possessivo, nostro, accanto al termine “Padre”. Molte volte abbiamo sottolineato la preziosità di quel “nostro”, così esigente per sottolineare che siamo tutti un’unica famiglia di figli di Dio. Il testo di Luca ci porge un altro regalo ugualmente prezioso, ed è quello di poter dire semplicemente “Padre”, quasi un sentire solo la parola che conta: Padre che è l’esperienza fondante della vita. Il v.3 ci parla del pane quotidiano, che è meglio dire il pane essenziale per vivere ad ogni uomo. Insomma quel minimo di pane di cui non si può fare a meno. E  per finire. Circa la versione dell’ultima richiesta della preghiera – “non ci indurre in tentazione” si è deciso una nuova traduzione che tutti dovremmo dire: non abbandonarci alla tentazione.o forse la migliore traduzione che ho trovato dice: non farci entrare nella tentazione.

Preghiamo

Preghiamo per tutti i genitori.

4 pensieri su “venerdì 7 febbraio

  1. se rita

    Mi sorprende sempre la domanda del discepolo che chiede a Gesù di insegnare loro a pregare. Per far venir voglia di pregare a quella gente un poco rozza, capace e, non sempre bene, di pescare o rattoppare le reti… vuol dire che Gesù stava pregando in una maniera davvero unica. Chissà se a qualcuno, vedendomi pregare,, vien voglia di imparare a pregare….? Padre. Origine e fine di ogni preghiera che si chiami tale.

    Rispondi
  2. Elena

    Anche a me colpisce la richiesta di insegnare a pregare. A volte anche noi chiediamo al Signore di insegnarcelo, quel modo vero e completo di parlare con Dio. E mi colpisce la semplicità del Padre nostro di Luca, preghiera essenziale eppure completa ed universale…
    Insegnaci a pregare, Gesù.
    Ricordo tutti i genitori nella preghiera.

    Rispondi
  3. Tiziana

    Insegnarci a pregare,Gesù !
    Donaci il desiderio della preghiera e la disponibilità ad imparare.
    Prego e ringrazio per i genitori,instancabili nell insegnare,con parole,gesti,con la loro vita.

    Rispondi
  4. sr Alida

    Padre insegnaci a pregare ,Padre nostro insegnaci a divenire tuoi figli ,preghiamo per tutti i genitori

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.