sabato 8 febbraio

di | 7 Febbraio 2020

Lc 11,5-8

5Poi disse loro: «Se uno di voi ha un amico e a mezzanotte va da lui a dirgli: “Amico, prestami tre pani, 6perché è giunto da me un amico da un viaggio e non ho nulla da offrirgli”, 7e se quello dall’interno gli risponde: “Non m’importunare, la porta è già chiusa, io e i miei bambini siamo a letto,non posso alzarmi perdarti i pani”, 8vi dico che, anche se non si alzerà a darglieli perché è suo amico, almeno per la sua invadenza si alzerà a dargliene quanti gliene occorrono.

Commento

Dopo la preghiera del padre nostro ecco la parabola sulla preghiera di domanda. Una preghiera insistente diremmo noi. assidua, che non viene meno ma che sa mostrare davanti a Dio una determinazione e una perseveranza fedele. È una parabola semplice che vuole mostrare come l’insistenza di una domanda provochi la risposta anche da parte di chi, pur essendo amico, sulle prime non è disposto a esaudirla. Sì, è l’insistenza (persino noiosa!) dell’amico e non il sentimento dell’amicizia a causare l’esaudimento e il conseguente dono: con la sua ostinata domanda un amico importuno può fare cambiare parere a un altro amico importunato. La domanda che mi pongo è se Dio ha bisogno di questa insistenza per ascoltare le nostre preghiere. Quasi un farsi corteggiare nella preghiera per fare qualcosa per noi . quasi un farsi desiderare. No, siamo noi che abbiamo bisogno di chiedere, perché siamo dei mendicanti e non vogliamo riconoscerci tali; siamo noi che dobbiamo rinnovare la nostra ricerca di ciò che è veramente necessario; siamo noi che dobbiamo desiderare che ci sia aperta una porta, in modo da poter incontrare chi ci accoglie. Dio non ha bisogno della nostra insistente preghiera, ma siamo noi ad averne bisogno per imprimerla nelle fibre della nostra mente e del nostro corpo, per aumentare il nostro desiderio e la nostra attesa, per dire a noi stessi la nostra speranza. Ecco perché bisogna pregar sempre.

Preghiamo

Preghiamo per Matteo

3 pensieri su “sabato 8 febbraio

  1. se rita

    Importunare…non solo per ottenere, ma per ricordare chi siamo. Signore, sia la forza della fede e dell’amicizia che ci fa essere importuni.

    Rispondi
  2. Elena

    Mai smettere di bussare….prima o poi anche le porte più tenacemente chiuse si apriranno. Mi sembra un atto di fiducia e di speranza… Preghiamo per Matteo e per Claudina che è tornata nell’abbraccio del Padre dopo una lunga malattia, per la sua famiglia nel dolore.

    Rispondi
  3. sr Alida

    Pregare perchè è un’esigenza del cuore per noi e per chi sappiamo nella difficoltà nel bisogno ,si siamo mendicanti ,ma la nostra insistenza ci fa amare di più … Per Claudina ,per Corrado,per Rosa ,e per il Papà del nostro cuoco ritornati alla casa del Padre .
    Una preghiera per la nostra M.Generale sr Marilina e sr Elvira che in questo periodo visitano le nostre comunità del Perù e del Brasile ,e per Matteo .

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.