venerdì 25 novembre

di | 25 Novembre 2016

fioriSiracide 43,12-33

13Con il suo comando fa cadere la neve
e fa guizzare i fulmini secondo il suo giudizio:
14per esso si aprono i tesori celesti
e le nubi volano via come uccelli.
15Con la sua potenza egli condensa le nuvole
e si sminuzzano i chicchi di grandine.
16e al suo apparire sussultano i monti;
secondo il suo volere soffia lo scirocco,
17aIl rumore del suo tuono fa tremare la terra,
17bcosì anche l’uragano del settentrione e il turbine dei venti.
Egli sparge la neve come uccelli che discendono,
come locusta che si posa è la sua caduta.
18L’occhio ammira la bellezza del suo candore
e il cuore stupisce nel vederla fioccare.
19Riversa sulla terra la brina come sale,
che gelandosi forma punte di spine.
20Soffia la gelida tramontana,
sull’acqua si condensa il ghiaccio;
esso si posa sull’intera massa d’acqua,
che si riveste come di corazza.
21Egli divora i monti e brucia il deserto;
come fosse fuoco, inaridisce l’erba.
22Rimedio di tutto è un annuvolamento improvviso,
l’arrivo della rugiada ristora dal caldo.

23Con la sua parola egli ha domato l’abisso
e vi ha piantato le isole.
24I naviganti del mare ne descrivono i pericoli,
a sentirli con i nostri orecchi restiamo stupiti;
25là ci sono opere singolari e stupende,
esseri viventi di ogni specie e mostri marini.
26Per lui il suo messaggero compie un felice cammino,
e per la sua parola tutto sta insieme.

27Potremmo dire molte cose e mai finiremmo,
ma la conclusione del discorso sia: «Egli è il tutto!».
28Come potremmo avere la forza per lodarlo?
Egli infatti, il Grande, è al di sopra di tutte le sue opere.
29Il Signore è terribile e molto grande,
meravigliosa è la sua potenza.
30Nel glorificare il Signore, esaltatelo
quanto più potete, perché non sarà mai abbastanza.
Nell’esaltarlo moltiplicate la vostra forza,
non stancatevi, perché non finirete mai.
31Chi lo ha contemplato e lo descriverà?
Chi può magnificarlo come egli è?
32Vi sono molte cose nascoste più grandi di queste:
noi contempliamo solo una parte delle sue opere.
33Il Signore infatti ha creato ogni cosa
e ha dato la sapienza ai suoi fedeli.

Commento

Dopo la lode al sole e agli astri ecco la medesima lode per i vari fenomeni naturali. Ma soprattutto la costatazione che ogni creatura è come immersa in queste elementi naturali. Ma la cosa più interessante che caratterizza tutto il capitolo è l’affermazione che Dio è il tutto e tutto il creato è guidato da Lui. Non si deve “divinizzare” nessuna creatura! Dio è il creatore,  noi siamo solo creature. Ma questo mi induce ad un altro pensiero azzardato. Vi un parlare di Dio nelle sue creature e questo forse è uno dei segni più grandi della rivelazione di Dio. Che cosa grandiosa pensare ad un Dio che parla attraverso le sue creature. Ma le creature a volte dicono anche il silenzio di Dio. Di Dio vi sono molte cose nascoste più grandi di queste: noi contempliamo solo una parte delle sue opere. Le creature sono una rivelazione limitata di Dio. E là dove vi è il limite vi anche il silenzio di Dio. Certo se siamo uomini e donne dedite alla ricerca della saggezza possiamo affermare che anche attraverso il limite scopriamo Dio si dice infatti “Il Signore infatti ha creato ogni cosa e ha dato la sapienza ai suoi fedeli”. Proprio quest’ultimo versetto mi porta a quello che per grazia di Dio avverto sempre più come l’apice della potenza divina. Dice infatti il testo  “Egli, infatti, il Grande, è al di sopra di tutte le sue opere. Il Signore è terribile e molto grande, meravigliosa è la sua potenza”. Chi è questo Dio onnipotente? La sapienza cristiana ci porta alla scoperta meravigliosa e meravigliata che questo Dio grande e terribile è Gesù, ed è proprio Gesù il vertice della rivelazione del mistero d’amore di Dio.

Preghiamo

Preghiamo per coloro che stanno soffrendo a causa del maltempo.

3 pensieri su “venerdì 25 novembre

  1. Elena

    ” e per la sua parola tutto sta insieme” “Egli è il tutto” ” Egli infatti, il Grande, è al di sopra di tutte le sue opere”
    Mi piace pensare a Dio come ad un compositore, ad un liutaio e ad un direttore d’orchestra …. In Lui ogni creatura ha voce e per Suo volere tutto sta insieme. Penso all’ineffabilita’ di questo Dio indescrivibile, non comprensibile alla nostra natura, ma così permeato e presente in ciascuno ed in ciascuna cosa , da apparire come luce d’amore e bellezza in ogni creatura! Ma anche io penso che Gesù sia la mano tesa verso una ” raggiungibilita’ possibile” di Dio attraverso un cammino umano di grande valore e comprensione di quanto e di quanti abbiamo intorno.
    Condivido la preghiera per coloro che attraversano la durezza e la forza distruttrice dell’acqua. Chiedo una preghiera per un collega colpito da ictus.

    Rispondi
  2. sr Rita

    “Per lui il suo messaggero compie un felice cammino, e per la sua parola tutto sta insieme.” Tutti siamo , consapevolmente o no, messaggeri di un annuncio. Grazie Dio compiamo il cammino proprio della nostra vocazione. E’ il Signore stesso che dà unità alla nostra vita, spesso frammentata e fragile. Affido l Signore che “fa stare insieme il tutto” le persone che stanno facendo fatica a unificare la propria vita attorno alla persona di Gesù.

    Rispondi
  3. sr.Alida

    Che bello ,ieri abbiamo scritto in tanti ..”.Per Lui il messaggero compie un felice cammino per la Sua parola tutto stà insieme..Egli è il tutto” Questo ordine creato dà respiro al nostro cammino ci son tante opportunità perchè il cuore anche il nostro vivere..possa rigenerarsi …Mi unisco alla preghiera per le conseguenze di allagamenti e calamità naturali e per il collega di Elena

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.