venerdì 2 settembre

di | 1 Settembre 2016

home2 Siracide 14,11-19

Figlio, per quanto ti è possibile, tràttati bene
e presenta al Signore le offerte dovute.
12Ricòrdati che la morte non tarderà
e il decreto degli inferi non ti è stato rivelato.
13Prima di morire fa’ del bene all’amico,
secondo le tue possibilità sii generoso con lui.
14Non privarti di un giorno felice,
non ti sfugga nulla di un legittimo desiderio.
15Non lascerai forse a un altro i frutti del tuo lavoro,
e le tue fatiche per essere divise fra gli eredi?
16Regala e accetta regali, e divèrtiti,
perché negli inferi non si ricerca l’allegria.
17Ogni corpo invecchia come un abito,
è una legge da sempre: «Devi morire!».
18Come foglie verdi su un albero frondoso,
alcune cadono e altre germogliano,
così sono le generazioni umane:
una muore e un’altra nasce.
19Ogni opera corruttibile scompare
e chi la compie se ne andrà con essa.

Commento

Abbiamo visto come avarizia e invidia non portano da nessuna parte. Eppure sappiamo bene come è difficile rimanere immuni da queste situazioni. Un modo con cui si possono combattere questi due atteggiamenti è quello di provare a contrapporre ad un atteggiamento negativo uno positivo. Devo anche riconoscere che i nostri pensieri cattivi o i nostri vizi non saranno mai vinti, in qualche modo li porteremo sempre dietro nella nostra vita. Possiamo anche solo tenerli a bada. La generosità tiene a bada invidia e avarizia. È vero che Siracide pensa alla generosità come offerta al signore fatta nel tempio. Ma noi possiamo allargare lo sguardo a tutto quel tema che è la generosità verso gli altri. L’aiuto che possiamo dare agli altri. La considerazione del perché la generosità sconfigge l’avarizia  e l’invidia risiede nella costatazione che nell’aldilà non portiamo nulla, anzi proprio perché lo sheol (l’aldilà secondo gli ebrei si chiama Sheol) è ombra e vuoto, la ricchezza nello sheol è ombra e vuoto, niente. Quindi la generosità che è  la vera ricchezza va ricercata in questa vita, nell’oggi quotidiano. Giocando sul significato delle parole, generosità significa generoso, generare qui su questa terra. Il generoso è colui che genera la vita, non solo in senso fisico, ma in senso morale, spirituale, personale e educativo. E il generare lo si fa qui su questa terra! Essere generosi come aiuto, come atto di vita, come prendersi cura. Tutto questo sconfigge l’avarizia e l’invidia.

Preghiamo

Preghiamo per tutti i generosi: sappiamo fare questo gesto con intelligenza e sapienza.

3 pensieri su “venerdì 2 settembre

  1. sr Rita

    Bella l’espressione: Trattati bene! Non credo che Siracide induca a un carpe diam proprio di chi approfitta o tiene il naso solo sulla mattonella su cui è poggiato. Mi pare che “trattarsi bene” voglia dire molto di più: avere coscienza di sé, cogliere i proprio doni e limiti, trovare i modi buoni per stare in salute, essere nella ricchezza dignitosa, avere a cuore le relazioni, cogliere le occasioni per gioire, amare, accogliere, donare….
    Vivere il tempo con questa consapevolezza rende la vita intensa e feconda.
    Preghiamo per il nostro Brasile, così strano e così esemplare. Tolto il potere alla Presidente Dilma, sostituita con uno più corrotto di lei che reggerà il potere fino al 2018, tempo delle elezioni quadriennali. E tutto come se nulla fosse successo.

    Rispondi
  2. Elena

    Sono linteressanti le propste di questa notte. Il volersi bene, l’avere cura di sé, il.conoscersi e l’accettarsi, l’essere generosi, l’usare bene ciò che si è avuto in dono perché sia motivo di gioia. Preghiamo perché davvero ci sia nei nostri gesti quotidiani l’attenzione a ciò che siamo e l’attenzione per la vita altrui.
    La generosità mi riporta a queste parole:” non si può essere felici da soli” e “gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date”
    Ricordo nella preghiera un altro anziamo ammalato da tempo,ormai tanto stanco, nonno Saverio. Il.Signore sa cosa fare….

    Rispondi
  3. sr.Alida

    Figlio per quanto ti è possibile trattati bene ,e presenta al Signore le tue offerte .Gratitudine offerta ,generosità, dono ..Penso anch’io che si intenda come già ben espresso nei commenti che precedono ,che trattarsi bene significhi consapevolezza di sè ,limite e dono, a servizio per gli altri ..generando vita spirituale ..Mi unisco alle vostre intenzioni per le persone generose ,per il Brasile ,per nonno Saverio .

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.