giovedì 1 settembre

di | 31 Agosto 2016

home2 siracide 14,1 – 10

Beato l’uomo che non ha peccato con la sua bocca
e non è tormentato dal rimorso dei peccati.
2Beato chi non ha nulla da rimproverarsi
e chi non ha perduto la sua speranza.
3A un uomo gretto non va bene la ricchezza,
a che cosa servono gli averi a un uomo avaro?

4Chi accumula a forza di privazioni, accumula per altri;
con i suoi beni faranno festa gli estranei.
5Chi è cattivo con se stesso con chi sarà buono?
Certo non godrà delle sue ricchezze.
6Nessuno è peggiore di chi danneggia se stesso,
e questa è la ricompensa della sua malizia:
7anche se fa il bene, lo fa per distrazione,
e alla fine sarà manifesta la sua malizia.
8È malvagio l’uomo dall’occhio invidioso,
volge lo sguardo altrove e disprezza la vita altrui.
9L’occhio dell’avaro non si accontenta della sua parte,
una malvagia ingiustizia gli inaridisce l’anima.
10Un occhio cattivo è invidioso anche del pane
ed è proprio questo che manca sulla sua tavola.

Commento

Il testo oggi mette in contrapposizione avarizia, invidia e generosità. Per oggi ci occupiamo dell’avarizia. Nell’avaro e nell’invidioso le ricchezze non hanno altro scopo se non quello di elogiare se stesso. Esse non sono orientate al bene. addirittura alla fine sono inutili a se stesso e agli altri. Di fatto lo sguardo dell’avaro non è mai sull’altro ma su se stesso e lo sguardo dell’invidioso è sull’altro ma in maniera distorta, perché pensa che può avere quello che l’altro ha e lui non ha. I padri del deserto chiamavano queste tendenze pensieri cattivi, perché nascono come pensiero, si sviluppano come affetto e arrivano a diventare azioni. Noi chiamiamo queste tendenze vizi. Cioè un aspetto negativo della nostro vita. Il pensiero cattivo indica più un aspetto legato alla persona, il vizio qualcosa che sa più di morale, di opera buona o meno buona. L’avaro accumula beni pensando ai suoi figli che dissiperanno tutto (ironia della sorte). Inoltre la vita dell’avaro si inaridisce su stessa e sulla conservazione dei suoi averi. L’invidioso si rende antipatico e insopportabile verso l’altro e porta l’uomo alla solitudine. Credo che devo sempre interrogarmi su questi due pensieri cattivi e devo avere la forza di reagire a tali tendenze. Il libro del siracide non solo analizza invidia e avarizia, ma ne offre anche una strada risolutiva. Ma vedremo domani

Preghiamo

Oggi giornata di preghiera per la salvaguardia del creato, preghiamo perché l’uomo impari a rispettare la madre terra.

3 pensieri su “giovedì 1 settembre

  1. sr Rita

    “Nessuno è peggiore di chi danneggia se stesso”. Terribile e terribilmente vera questa massima di Siracide. Se mi guardo attorno – oggi purtroppo i miei occhi hanno incrociato molte persone che stanno danneggiando se stese e i proprio figli – vedo situazioni che stringono il cuore. Pare che nessuna cosa e nessuna persona sia in grado di tirar fuori questa gente dalla situazione in cui si caccia continuamente. Prego Dio che non muoia la speranza in noi e – per sua grazia – anche in loro.

    Rispondi
  2. Elena

    L’amore per gli altri nasce innanzitutto dal rispetto e dall’amore per se stessi. Un amore equilibrato e sensibile che permette di mettere in relazione me stessa con i miei simili. Tanto semplice ma per nulla scontato. E poi la cupidigia, l’avarizia, l’invidia…. veleni intossicanti i miei rapporti con gli altri, con la vita, con il mondo.
    Se non ho cura di me, come posso prendermi cura degli altri? Anzi, obblighero’ qualcun altro a prendersi cura di me….
    Ogni giorno, le riflessioni di Siracide mi meravigliano per la loro attualità. Ben Sira’ conosce l’uomo ed il suo cuore, attraverso il tempo e lo spazio. La saggezza credo sia conoscenza profonda che diventa azione ed evoluzione del nostro vivere quotidiano….
    Prego peer tutte le persone che non si vogliono bene e non si riconoscono di valore e prego per il creato insieme a tutti voi….

    Rispondi
  3. sr.Alida

    L’attualità di questo brano mi invita solennemente a vegliare e pregare per avere la giusta energia di reagire alle forze negative in me e attorno a me ..
    In ricerca continua di ciò che orienta la vita e mantiene la speranza .Prego con voi per la salvaguardia del creato ,perchè non muoia la speranza in ciascuno,per tutte le persone che non si vogliono bene ,per le persone che vivono le conseguenze del terremoto…che non si è ancora fermato ….Grazie don Sandro per la spiegazione di questa Parola .

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.