venerdì 19 agosto

di | 18 Agosto 2016

home2 Siracide 10,26 – 31

6Non fare il saccente nel compiere il tuo lavoro 
e non gloriarti nel momento del tuo bisogno.
27Meglio uno che lavora e abbonda di tutto
di chi va in giro a vantarsi e manca di cibo.
28Figlio, con modestia pensa al tuo onore
e fatti valere secondo il tuo merito.
29Chi giustificherà uno che fa male a se stesso
e chi onorerà colui che si disonora?
30Un povero viene onorato per la sua scienza
e un ricco viene onorato per la sua ricchezza.
31Chi è onorato nella povertà,quanto più lo sarà nella ricchezza!
E chi è disprezzato nella ricchezza, quanto più lo sarà nella povertà!

Commento

Il testo è un invito significativo a saper vivere con umiltà e modestia in tutto quanto accade nella vita. La cose che dà senso alla vita non è il far vedere che si è fatto molto, ma la preoccupazione per la propria anima, per la propria vita.  Io sono uno che ha bisogno di essere riconosciuto per quello che faccio, capisco molto bene il significato di queste parole, ma tante volte mi domando come posso riuscire a superare questa cosa che mi rode dentro. Non conosco molte strade e quindi, quando la volontà mi sorregge, cerco di pregare un po’, di vegliare sul mio animo interiore e di darmi da fare per gli altri. Non è molto, ma vedo che queste tre cose mi aiutano un poco a superare questo mio desiderio di gloria. Sento che è come un percorso che durerà tutta una vita e che questo desiderio negativo non sarà mai vinto. Però riesco a riconoscere che così non va bene. comunque al di là di quello che sono io e del mio comportamento, credo che la lettura di siracide è un buon esercizio per “vedere” il mio animo interiore. Questo mi porta a dire anche che di tale animo interiore io devo continuamente prendermene cura, devo vegliare quotidianamente per superare tutte le mie fatiche ed arrivare ad essere sereno per quello che sono e faccio. Grazie Ben Sirà per questo tuo continuo richiamarmi al pensare alla vita senza trascurarla nel vuoto e nella superficialità.

Preghiamo

Preghiamo per la città di Aleppo oggi simbolo della follia della guerra

4 pensieri su “venerdì 19 agosto

  1. sr Rita

    Lavoro modestia, merito, povertà, onore….Mettere insieme queste parole teoricamente è facile e bello, ma assumerle come criterio di pensiero, di azione, di relazioni…è impegnativo. Eppure così si costruiscono vite significative, testimonianze di vite mature ed efficaci. Ci sia dato di imparare quest’arte di vivere. Godiamo di quello che siamo. Non desideriamo cose superiori alle nostre possibilità: sono fonte di frustrazione e angoscia.
    Preghiamo per la pace tra i popoli e dentro le nostre esistenze.

    Rispondi
  2. Elena

    Continua a colpirmi l’attualità delle proposte di riflessione del Siracide.
    Ciò che vale è nel lavoro umile e semplice del quotidiano, nel silenzio operoso e nella scelta delle parole e dei propri comportamenti. È un costante invito all’assunzione di responsabilità nei confronti della mia vita e di quella altrui….
    Prego con voi per Aleppo, città martire, e per la pace di ogni essere umano.

    Rispondi
  3. sr.Alida

    i consigli che che ci regala il Siracide ,mi risuonano come quelli di un Padre,che ha cupre la vita dei Suoi figli ..”Figlio” con modestia,povertà onore,umiltà puoi essere felice..Sono significative al nostro vivere queste condizioni ..e ci aiutano a stare al nostro posto di creature,con cuore aperto e disponibile agli altri..Concordo con che occorre vegliare sul nostro mondo interiore,pregare perchè possiamo essere e vivere così..e di sicuro un cammino che non dice mai basta..(il Palazzolo me lo ricorda )ci aiuti il Signore in quest’arte del vivere..Preghiamo per la pace ,in particolare ad Aleppo,nel mondoe nel nostro quotidiano .

    Rispondi
  4. Luca

    Un povero viene onorato per la sua scienza
    e un ricco viene onorato per la sua ricchezza

    Mi ritrovo molto nelle parole di don Sandro. Dove voglio che risieda il mio onore? Facile rispondere “nella scienza”, in ciò che sono, piuttosto che “nella ricchezza”, in ciò che possiedo e faccio, ma da questa risposta da compitino del catechismo, alla vita quotidiana, ce ne passa….

    Il Signore ci doni la grazia di fare le nostre scelte quotidiane secondo l’ordine di priorità che ci propone oggi siracide

    Buona giornata a tutti!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.