venerdì 1 marzo

di | 28 Febbraio 2019

la lettriceSalmo 2  Titolo : BACIATEGLI I PIEDI CON CUORE TREMANTE

Sottotitolo Almeno da noi sgorghi un umile canto al Dio che sopra ogni cosa ci ama:
un canto al suo regno di pace,
composto da liberi figli.

Salmo

Perché le genti sono in tumulto
e i popoli cospirano invano?

Insorgono i re della terra
e i prìncipi congiurano insieme
contro il Signore e il suo consacrato:

“Spezziamo le loro catene,
gettiamo via da noi il loro giogo!”.

Ride colui che sta nei cieli,
il Signore si fa beffe di loro.

Egli parla nella sua ira,
li spaventa con la sua collera:

“Io stesso ho stabilito il mio sovrano
sul Sion, mia santa montagna”.

Voglio annunciare il decreto del Signore.
Egli mi ha detto: “Tu sei mio figlio,
io oggi ti ho generato.

Chiedimi e ti darò in eredità le genti
e in tuo dominio le terre più lontane.

Le spezzerai con scettro di ferro,
come vaso di argilla le frantumerai”.

E ora siate saggi, o sovrani;
lasciatevi correggere, o giudici della terra;

servite il Signore con timore
e rallegratevi con tremore.

Imparate la disciplina,
perché non si adiri e voi perdiate la via:
in un attimo divampa la sua ira.
Beato chi in lui si rifugia.

Commento

Ecco una delle pagine più celebri del libro dei salmi: insieme al Salmo 110 essa rappresenta la classica preghiera messianica del cristianesimo. Cioè si tratta di quelle preghiere dove si invoca la venuta del messia e si descrive chi è. In sé, però, il salmo è un testo che veniva utilizzato per la  solenne liturgia d’incoronazione del re di Giuda. In quel giorno, secondo una prassi orientale, egli veniva dichiarato essere divino: «Figlio mio tu sei: oggi io stesso ti ho generato» (v. 7). Se per Israele il sovrano resterà solo figlio adottivo e non naturale del Signore, nella rilettura cristiana il re-messia del salmo sarà il Cristo, il Figlio per eccellenza. Sullo sfondo si odono rumori di ribellioni, ma Dio si schiera dalla parte del «figlio» il cui scettro infrangerà ogni resistenza del male quasi fosse vaso di coccio. E tutti si prostreranno a lui «baciandogli i piedi con cuore tremante». Niente può annientare chi confida nel Signore, chi spera in Lui trova in Lui la sua fiducia.

Preghiamo

Preghiamo per tutti i nostri governanti

 

 

2 pensieri su “venerdì 1 marzo

  1. Anonimo

    Tu sei mio figlio oggi ti ho generato ……..Servite il Signore ..rallegratevi….Una lampadina che spesso il Signore mi mette nel cuore come dono è Tu sei mia figlia ,oggi ti ho generato….quasi ogni mattina quando mi lavo……Preghiamo per governanti e perchè tutti camminiamo da figli…

    Rispondi
  2. Elena

    “E ora siate saggi, o sovrani; lasciatevi correggere, o giudici della terra”
    Un’invocazione a loro e una preghiera per loro, i nostri governanti… Signore, venga il Tuo Regno.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.