Mercoledì 31 agosto

di | 30 Agosto 2016

home2 Siracide 13,15 – 25

15Ogni vivente ama il suo simile
e ogni uomo il suo vicino.
16Ogni essere si accoppia secondo la sua specie,
l’uomo si associa a chi gli è simile.
17Che cosa può esserci in comune tra il lupo e l’agnello?
Così tra il peccatore e il giusto.
18Quale pace può esservi fra la iena e il cane?
Quale intesa tra il ricco e il povero?
19Sono preda dei leoni gli asini selvatici nel deserto,
così pascolo dei ricchi sono i poveri.
20Per il superbo l’umiltà è obbrobrio,
così per il ricco è obbrobrio il povero.
21Se il ricco vacilla, è sostenuto dagli amici,
ma l’umile che cade è respinto dagli amici.
22Il ricco che sbaglia ha molti difensori;
se dice sciocchezze, lo scusano.
Se sbaglia l’umile, lo si rimprovera;
anche se dice cose sagge, non ci si bada.
23Parla il ricco, tutti tacciono
e portano alle stelle il suo discorso.
Parla il povero e dicono: «Chi è costui?»;
se inciampa, l’aiutano a cadere.
24Buona è la ricchezza, se è senza peccato;
la povertà è cattiva sulla bocca dell’empio.

25Il cuore di un uomo cambia il suo volto
sia in bene sia in male.
26Segno di buon cuore è un volto sereno,
ma trovare dei proverbi è un lavoro faticoso.

Commento

Il testo continua a sviluppare il pensiero che pone in antitesi il ricco e il povero. Non ci sono somiglianze di nessun tipo tra i due e quindi non ci può essere nessuna forma di accordo o meglio di amicizia tra ricco e povero. Tra l’altro il ricco è ascoltato per la sua ricchezza (fino a quando è ricco!) mentre il povero e l’umile in genere non è ascoltato. Ancora: il ricco trova appoggio, sostegno e comprensione mentre il povero al contrario rischia il più delle volte di essere deriso e disprezzato.  La conclusione di Ben Sirà non è uno schierarsi a favore del ricco o del povero. Se il povero diventa arrogante non è cosa buona seguirlo, se il ricco ha ottenuto la sua ricchezza in maniera giusta e la usa in maniera onesta ben venga anche la ricchezza. Il segno che sia il povero che il ricco hanno buon cuore è un volto sereno. Noi lottiamo contro i ricchi in realtà dobbiamo lottare contro l’arroganza, la superbia, l’ingiustizia sia del povero che del ricco e tutti dobbiamo cercare il timore del Signore.

Preghiamo

Preghiamo per i defunti del terremoto di cui si è fatto il funerale ieri.

4 pensieri su “Mercoledì 31 agosto

  1. sr Rita

    La situazione del ricco descritta da Ben Sirà parrebbe invidiabile: tutti lo ascoltano, lo acclamano, lo esaltano, gli stanno vicini…Mentre quella del povero è proprio derelitta, deludente. Paragonare il povero all’obbrobrio è detestabile. Eppure quanta gente vive così.
    Mi piace l’espressione: il cuore dell’uomo cambia il suo volto. Noi siamo quello che è il nostro cuore. Il volto è lo specchio dell’anima. Che bello incontrare un volto su cui si può leggere il cuore. Ci doni il Signore la trasparenza inferiore per mostrare fuori quello che viviamo dentro.

    Rispondi
  2. sr.Alida

    Che cosa ci accomuna tutti,ricchi e poveri ?Il cuore di un uomo cambia il suo volto,sia in bene che in male ..
    Segno di buon cuore è un volto sereno…Un cuore onesto che vive bene la sua ricchezza o povertà …ogni volto una storia …dove anche il ricco ha la sua povertà e il povero la sua ricchezza….Fà ,o Signore che che ognuno tenga a bada il proprio cuore…in modo che l’arroganza o la superficialità non abbiano il soppravvento .Mi unisco alla preghiera di oggi .

    Rispondi
  3. Elena

    Si torna all’ essenza di ogni uomo, il suo cuore, ciò che l’anima esprime attraverso lo sguardo, le espressioni,.il volto. Qualunque sia la sua condizione, l’uomo manifesta la luce e la bellezza se è in Dio. Ho conosciuto persone definitesi atee o poco disposte a credere, o ancora in ricerca, che risplendevano della.luce di Dio, perché belle, buone, oneste, giuste, sagge. Piene e grate alla vita . Persone integre e dotste di spiritualità grande, forse a loro insaputa. Timor di Dio pressente ma misconosciuto. Però che belle persone! Semplici pur possedendo molto, un molto lavorato e non rubato, senza arroganza o superbia. Un molto condiviso…
    E la saggezza di Ben Sira’ trova collocazione in ogni tempo. Il cuore di un uomo cambia il suo volto sia in bene sia in male.
    Possiamo incontrare molte persone serene e luminose. Ci siano dati sguardi e cuori pronti a riconoscerli.
    Ricordo al Padre le costanti fatiche attraversate dai poveri e prego per una umanità più giusta.

    Rispondi
  4. Luca

    La ricchezza che ci circonda e che, nonostante la crisi, non ci ha abbandonato (se ci confrontiamo con i vicini di suor Rita) rischia di portarci ad agire come il ricco del siracide, ma dato che nulla è impossibile a Dio, forse un posticino in fondo alla sala del banchetto del regno può esserci anche per noi.
    Mi unisco alla preghiera per i defunti del terremoto e chiedo una preghiera anche per chi, ora e in futuro, si adopererà per la ricostruzione.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.