mercoledì 12 ottobre

di | 11 Ottobre 2016

home2Siracide 27, 22 – 29

22Chi ammicca con l’occhio trama il male,
ma chi lo conosce si allontana da lui.
23Davanti a te la sua bocca è dolce
e ammira i tuoi discorsi,
ma alle tue spalle cambierà il suo parlare
e porrà inciampo alle tue parole.
24Io odio molte cose, ma nessuna quanto lui,
anche il Signore lo ha in odio.
25Chi scaglia un sasso in alto, se lo tira sulla testa,
e un colpo a tradimento ferisce chi lo vibra.
26Chi scava una fossa vi cade dentro,
chi tende un laccio vi resta preso.
27Il male si ritorce su chi lo fa,
egli non sa neppure da dove gli venga.
28Derisione e insulto per il superbo,
la vendetta, come un leone, lo attende al varco.
29Sono presi al laccio quanti gioiscono per la caduta dei pii,
il dolore li consumerà prima della loro morte.

30Rancore e ira sono cose orribili,
e il peccatore le porta dentro.

commento

Ammiccare con lo sguardo per attirarsi la benevolenza delle persone. Se vogliamo è un gesto ipocrita. È il gesto dell’amico apparente, quello che non è mai sincero e autentico. Ecco l’effetto devastante di una relazione di amicizia segnata dall’ipocrisia di chi mette la maschera. Questo atteggiamento dell’ipocrisia è condannato da tutta la sapienza antica ed anche Gesù non risparmia le sue critiche ai farisei ipocriti. In questo testo viene enunciata la dottrina della “nemesi” o della giustizia immanente. Essa viene così descritta: Il male si ritorce su chi lo fa, egli non sa neppure da dove gli venga. Di fatto questa dottrina dichiara che chi fa il male alla fine ne subisce le conseguenze. Chi è falso con gli amici, chi è ipocrita alla fine questo suo comportamento gli si ritorce contro. Diciamolo in altro modo: il male distrugge chi lo pratica. Io provo a dirlo nel mio modo: ogni azione buona compiuta da un uomo ha un risvolto positivo su tutta la comunità. Ogni azione cattiva fatta anche solo da un uomo  ha una conseguenza negativa su tutta la comunità. Questo perché tutti siamo legati tra di noi e tutti dentro questi legami sentiamo la bellezza delle parole e delle azioni buone e al contrario il peso e la fatica delle azioni malvagie. Credo che la famiglia e la comunità sono i due luoghi dove maggiormente si sente la verità di questa dottrina e dove come dice la finale del testo di oggi Rancore e ira sono cose orribili, e il peccatore le porta dentro. Solo un cammino di perdono e di riconciliazione possono portare un po’ di pace e di serenità.

Preghiamo

Preghiamo per le nostre comunità.

4 pensieri su “mercoledì 12 ottobre

  1. sr Rita

    Affido alla nostra Padroera do Brasil, Nossa senhora Aparecida, tutti coloro che hanno desiderio di relazioni vere, positive, senza inganni e fraintendimenti. Da noi è la festa della criança 8bambini): preghiamo perché a ogni bambino sia dato l’iuto necessario per crescere con dignità.

    Rispondi
  2. Anonimo

    Ringrazio Dio e Don Sandro per queste parole che mi aiutano a illuminare la vita.
    Riconciliazione perdono la strada per una serenita interiore ed esteriore ecco la via che sento di dover percorrere con tutti coloro che credono in un Dio di pace misericordioso Padre Fratello Madre.
    Mi indica un cammino di impegno verso di me verso la mia famiglia e la comunita intera.lumgo la strada della Miseeicordia non priva di ostacoli ma
    sicuramente vittoriosa perche e in Cristo Colui che
    ha donato La Sua vita per tutti noi e ci ha salvati.
    Mi unisco alle intenzioni di Suor Rita e le affido alla Nossa Senhora Aparecida.

    Rispondi
  3. Elena

    Ho scoperto che l’ uomo che odia, l’ uomo che prova rabbia, finisce avvelenato dallo.stesso veleno che nutre nel suo cuore. E vive male ogni cosa. Il sospetto, la parola cattiva, il rancore, il dolore ,l’invidia lo avvelenano poco a poco. Vive nell’oscurità …Che brutto vivere così!
    Chiediamo al Padre la capacità e la forza del perdono e della riparazione, anche quando è tanto difficile. E la capacità di vivere relazioni più autentiche e meno ipocrite!
    Per Sr. Rita e la sua Comunità, nelle braccia sicure e forti della Madre Aparecida.

    Rispondi
  4. sr.Alida

    Le apparenze degli atteggiamenti e sguardi spesso ingannano e provo
    cano consdamento guenze di un agire e un pensare sbagliato .e maligno ..Ogni azione buona o maligna ,si riversa su tutti …Invochiamo dal Signore la pace e la serenità per le famiglie ,per le comunità ..e perchè viviamo relazioni piu’ autentiche e senza ipocrisia …..Mi unisco alla preghiera per la festa della crianca ,e l’affidamento alla senhora Aparecida ,nella comunità di sr.Rita.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.