martedì santo

di | 6 Aprile 2020

martedì santo – Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, [mentre era a mensa con i suoi discepoli,] Gesù fu profondamente turbato e dichiarò: «In verità, in verità io vi dico: uno di voi mi tradirà». I discepoli si guardavano l’un l’altro, non sapendo bene di chi parlasse. Ora uno dei discepoli, quello che Gesù amava, si trovava a tavola al fianco di Gesù. Simon Pietro gli fece cenno di informarsi chi fosse quello di cui parlava. Ed egli, chinandosi sul petto di Gesù, gli disse: «Signore, chi è?». Rispose Gesù: «È colui per il quale intingerò il boccone e glielo darò». E, intinto il boccone, lo prese e lo diede a Giuda, figlio di Simone Iscariòta. Allora, dopo il boccone, Satana entrò in lui. Gli disse dunque Gesù: «Quello che vuoi fare, fallo presto». Nessuno dei commensali capì perché gli avesse detto questo; alcuni infatti pensavano che, poiché Giuda teneva la cassa, Gesù gli avesse detto: «Compra quello che ci occorre per la festa», oppure che dovesse dare qualche cosa ai poveri. Egli, preso il boccone, subito uscì. Ed era notte. Quando fu uscito, Gesù disse: «Ora il Figlio dell’uomo è stato glorificato, e Dio è stato glorificato in lui. Se Dio è stato glorificato in lui, anche Dio lo glorificherà da parte sua e lo glorificherà subito. Figlioli, ancora per poco sono con voi; voi mi cercherete ma, come ho detto ai Giudei, ora lo dico anche a voi: dove vado io, voi non potete venire». Simon Pietro gli disse: «Signore, dove vai?». Gli rispose Gesù: «Dove io vado, tu per ora non puoi seguirmi; mi seguirai più tardi». Pietro disse: «Signore, perché non posso seguirti ora? Darò la mia vita per te!». Rispose Gesù: «Darai la tua vita per me? In verità, in verità io ti dico: non canterà il gallo, prima che tu non m’abbia rinnegato tre volte».

Commento

Oggi la parola che potremmo approfondire è TRADIMENTO. Non piace ma è reale, ci sono i tradimenti e Gesù è stato tradito da colui che chiamava amico. Gesù sapeva che sarebbe stato tradito. Pietro, Giovanni e Giacomo lo avevano già dimostrato, banalizzando le sue parole, non riconoscendolo più come amico, o pretendendo un’organizzazione gerarchica attorno a Lui, che prevedesse primi e secondi posti Giuda continua la sequenza: la delusione dopo anni di entusiasmo lo porta a vendere Gesù, a sbarazzarsene. Tutto molto riscontrabile anche nella nostra vita: ci piacciono persone, idee, progetti; poi, quando invecchiano o non si rivelano più così entusiasmanti, li tradiamo, li passiamo di mano ad altri, ad altro. Non li conosciamo più. Tutto è pronto per essere gettato nella spazzatura. Gesù conosce questa condizione dell’anima e sembra volerci dire che la questione è passare dall’essere spettatori entusiasti a protagonisti attivi, che condividono la stessa sorte. Quel boccone intinto, quel pezzo di pane imbevuto di vino è segno della necessaria condivisione, della comunione nella buona e nella cattiva sorte, nella compartecipazione del dolore, della sofferenza, come della gioia e della gloria.

Preghiamo

Preghiamo per tutti i malati

3 pensieri su “martedì santo

  1. se rita

    Anche se non sempre riusciamo a tradurre in realtà i desideri, quando si ama il Signore, il desiderio è già gran cosa, è già amore.

    Rispondi
  2. sr Alida

    E’ il passare da spettatori a partecipare attivamente ,che non mi torna ,se riusciamo a posare il capo sul cuore di Gesù,desiderando almeno ,sono in cammino di amore ….Mi unisco alla preghiera per tutti gli ammalati ….

    Rispondi
  3. Elena

    Tutti sperimentiamo dei tradimenti. Spesso mi sono chiesta :chi tradisce chi? È una condizione di grande fragilità, la nostra. Ma il Signore ci conosce, sa già quale sarà il prossimo passo e ci mostra qualcosa che va oltre tutte le nostre miserie e piccolezze. Il Suo Amore.
    In questo Amore ci permette di tornare dopo ogni errore, chiedendoci ogni volta: -È qui che vuoi stare?-
    La risposta è nei nostri cuori….
    Preghiamo per gli ammalati, per Cecilia, per Alvaro.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.