martedì 8 novembre

di | 7 Novembre 2016

fiorisiracide 37,16-31

16Principio di ogni opera è la parola,
prima di ogni azione c’è la riflessione.
17Radice di ogni mutamento è il cuore,
18da cui derivano quattro scelte:
bene e male, vita e morte,
ma su tutto domina sempre la lingua.

19C’è l’esperto che insegna a molti,
ma è inutile a se stesso.
20C’è chi posa a saggio nei discorsi ed è odioso,
e finisce col mancare di ogni cibo;
21il Signore non gli ha concesso alcun favore,
perché è privo di ogni sapienza.
22C’è chi è saggio solo per se stesso
e i frutti della sua intelligenza si notano sul suo corpo.
23Un uomo saggio istruisce il suo popolo,
i frutti della sua intelligenza sono degni di fede.

24Un uomo saggio è colmato di benedizioni,
tutti quelli che lo vedono lo proclamano beato.
25La vita dell’uomo ha i giorni contati,
ma i giorni d’Israele sono senza numero.
26Il saggio ottiene fiducia tra il suo popolo,
e il suo nome vivrà per sempre.

27Figlio, per tutta la tua vita esamina te stesso,
vedi quello che ti nuoce e non concedertelo.
28Difatti non tutto conviene a tutti
e non tutti approvano ogni cosa.
29Non essere ingordo per qualsiasi ghiottoneria
e non ti gettare sulle vivande,
30perché l’abuso dei cibi causa malattie
e l’ingordigia provoca le coliche.
31Molti sono morti per ingordigia,
chi invece si controlla vivrà a lungo.

Commento

Mi sembra molto bello questo passaggio perché ci indica due luoghi, due atteggiamenti importanti che definiscono la saggezza umana: la parola e il cuore. Da questi due elementi hanno origine tutti i principi ispiratori della capacità dell’uomo di decidere. Siracide dice che nel cuore risiedono le 4 possibilità di scelte umane: vita o morte, bene o male. Noi oggi diciamo che questo luogo così speciale e sacro che è il cuore dell’uomo è la sua coscienza che impara a scegliere tra bene e male. È luogo sacro quello del cuore perché è lo spazio della decisione libera e responsabile, ma è anche il luogo più vulnerabile, perché sappiamo bene quanto è difficile rimane in questo spazio di libertà e di responsabilità. E poi la parola. Essa permette attraverso la sua espressione di verificare l’attività umana. Di fatto le mie parole se sono vere dicono chi sono e come agisco io nella vita. In particolare in questo testo si fa riferimento al linguaggio che è riflessione, che è produzione di pensiero, non fine a se stesso, ma capace di risolvere in maniera sapiente i problemi del quotidiano. Oggi credo che abbiamo bisogno di parole pensate, di parole che sono frutto di una riflessione e non solo di slogan o di luoghi comuni. Quindi cuore, coscienza e parola come spazi per la saggezza e l’agire umano.

Preghiamo

Preghiamo per tutti i nostri ragazzi.

3 pensieri su “martedì 8 novembre

  1. sr Rita

    “Figlio, per tutta la tua vita esamina te stesso,vedi quello che ti nuoce e non concedertelo.”
    Basterebbe questo criterio per fare della vita nostra e altrui un luogo di sapienza, di bellezza, di grazia. Esaminare la mente, interpretare i sentimenti, educare la volontà: una pedagogia necessaria ad ogni età, in ogni cultura, in ogni situazione di vita. Pregiamo per Thais, una nostra adolescente che oggi abbiamo sospeso per una settimana per un tristissimo fenomeno di bullismo commesso verso una piccola. Che il Signore aiuti lei e noi a trovare vie buone.

    Rispondi
  2. Elena

    “Radice di mutamento è il cuore”….
    Penso al discorso di Gesù che ci ricorda che ciò che contamina l’uomo non viene da fuori ma dal dentro. Dal cuore. E ciò che muove grandi cose positive e negative viene dal cuore, appunto. E dal pensiero prima dell’agito e del parlato.
    Fa, Signore che guardiamo nel profondo di noi stessi e che troviamo le parole più corrette e giuste per un vivere pieno e bello, per noi stessi e per chi vive vicino a noi.
    Prego con voi per tutti i nostri ragazzi e per il loro vivere difficile..

    Rispondi
  3. sr.Alida

    Figlio ,per tutta la tua vita esamina te stesso,vedi quello che ti nuoce
    e non concedertelo …è vero basterebbe riflessione ,cuore ,parola giusta al tempo giusto..al nostro vivere quotidiano….Donaci ,Signore di vegliare su noi stessi,per relazioni buone,aperte al bello e all’essenziale.Mentre mi unisco alla preghiera per Thais,per tutti i nostri ragazzi ,prego per una suora in difficoltà…

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.