martedì 29 gennaio

di | 28 Gennaio 2019

giobbeGiobbe 30,1-15

[1]Ora invece si ridono di me
i più giovani di me in età,
i cui padri non avrei degnato
di mettere tra i cani del mio gregge.
[2]Anche la forza delle loro mani a che mi giova?
Hanno perduto ogni vigore;
[3]disfatti dalla indigenza e dalla fame,
brucano per l’arido deserto,
[4]da lungo tempo regione desolata,
raccogliendo l’erba salsa accanto ai cespugli
e radici di ginestra per loro cibo.
[5]Cacciati via dal consorzio umano,
a loro si grida dietro come al ladro;
[6]sì che dimorano in valli orrende,
nelle caverne della terra e nelle rupi.
[7]In mezzo alle macchie urlano
e sotto i roveti si adunano;
[8]razza ignobile, anzi razza senza nome,
sono calpestati più della terra.
[9]Ora io sono la loro canzone,
sono diventato la loro favola!
[10]Hanno orrore di me e mi schivano
e non si astengono dallo sputarmi in faccia!
[11]Poiché egli ha allentato il mio arco e mi ha abbattuto,
essi han rigettato davanti a me ogni freno.
[12]A destra insorge la ragazzaglia;
smuovono i miei passi
e appianano la strada contro di me per perdermi.
[13]Hanno demolito il mio sentiero,
cospirando per la mia disfatta
e nessuno si oppone a loro.
[14]Avanzano come attraverso una larga breccia,
sbucano in mezzo alle macerie.
[15]I terrori si sono volti contro di me;
si è dileguata, come vento, la mia grandezza
e come nube è passata la mia felicità.

Commento

Dopo il racconto sul passato ora giungiamo al racconto del tempo presente, alla lamentazione di questo cap.30. prima tutto era fortuna e al centro della vita di Giobbe stava il rispetto, e tutto questo era dono di Dio, ora tutto diventa rovina, solitudine e disprezzo e anche qui l’artefice della sofferenza di Giobbe è ancora Dio.  Il testo ebraico non nomina mai Dio direttamente, lo presenta in terza persona quasi si trattasse di una forza anonima ostile e nascosta. Tuttavia Giobbe riesce a identificarla e ad interpellarla in seconda persona. Ecco la traccia della supplica di Giobbe. Un quadro di totale umiliazione apre il lamento. Tutti hanno orrore di Giobbe, tutti i nemici l’assalgono senza ritegno. Lo invade un terrore anche psicologico nei confronti di un nemico così misterioso che lo perseguita senza tregua e compassione, abbandonandolo alla tempesta e alla morte. L’unica possibilità che ormai rimane a Giobbe è quella di innalzare il suo urlo di dolore, dell’agonia senza fine, la protesta confidando che Dio si senta obbligato a dargli almeno un cenno di risposta. Chi vive il dramma della sofferenza a volte percepisce la vita proprio in questo modo. Vive come in uno stato di solitudine e abbandono, cerca la vicinanza dell’uomo ma non riesce a trovarla. E manca anche la consolazione di Dio. Giobbe è di un sano realismo e non di un vuoto spiritualismo. Ma grazie a questo sano realismo potrà alla fine rinascere.

Preghiamo

Preghiamo per don Giorgio.

3 pensieri su “martedì 29 gennaio

  1. sr Rita

    Sentirsi soli, abbandonati, derisi nella afflizione è esperienza di molti, anche oggi. La domanda implicita di Giobbe, e di ogni sofferente è: ma Dio dov’è? Cosa gli ho fatto per trattarmi così? Domande gravi e di non facile risposta. La consegno alla Fede che non giustifica il dolore, ma lo abita assieme a chi soffre. Preghiamo per nel buio e nella solitudine. Una preghiera anche per la nostra volontaria Rita, deceduta oggi. Una donna di religione evangelica, ma con una grande stima per noi suore e per il nostro servizio ai poveri.

    Rispondi
  2. . Elena

    Quanta delicatezza impone il dolore più grande…. sapersi muovere in punta di piedi, per non ferire chi è già troppo offeso, è cosa difficile. Preghiamo per poter accompagnare tanta sofferenza con tatto e delicatezza, con umiltà e sensibilità. Unisco le mie preghiere alle vostre, secondo le intenzioni espresse e ricordo il fratello di Margherita, che ci ha lasciato ieri.

    Rispondi
  3. srAlida

    Nella riflessione che fa Giobbe mi sembra l’eco di alcuni salmi ….e il grido di solitudine,e di abbandono dell’umanità di oggi …..Silenzio e preghiera di intercessione per le solitudini che non possiamo raggiungere….e il Signore ci renda nel Suo amore portatori di speranza e consolazione per chi è più vicino mi unisco alle vostre preghiere per don Giorgio; per Rita, per il fratello di Margherita ,e per Dorina che pure ha raggiunto la casa del Padre .

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.