martedì 28 marzo

di | 27 Marzo 2017

fiori Matteo 15,1-9

1 In quel tempo alcuni farisei e alcuni scribi, venuti da Gerusalemme, si avvicinarono a Gesù e gli dissero: 2 «Perché i tuoi discepoli trasgrediscono la tradizione degli antichi? Infatti quando prendono cibo non si lavano le mani!». 3 Ed egli rispose loro: «E voi, perché trasgredite il comandamento di Dio in nome della vostra tradizione? 4 Dio ha detto: Onora il padre e la madre e inoltre: Chi maledice il padre o la madre sia messo a morte. 5 Voi invece dite: “Chiunque dichiara al padre o alla madre: Ciò con cui dovrei aiutarti è un’offerta a Dio, 6 non è più tenuto a onorare suo padre”. Così avete annullato la parola di Dio con la vostra tradizione. 7 Ipocriti! Bene ha profetato di voi Isaia, dicendo: 8 Questo popolo mi onora con le labbra, ma il suo cuore è lontano da me. 9 Invano essi mi rendono culto, insegnando dottrine che sono precetti di uomini».

Commento

la scelta di Gesù di stare dalla parte dei piccoli e dei poveri genera questa discussione accesa tra Lui e i farisei che sono custodi privilegiati della tradizione e interpreti ufficiali della fede e della morale del popolo, tradizione che Gesù sembra non rispettare. Mettendo in evidenza, come fanno scribi e farisei, tradizione e regole si oscura alla fine la forza della parola di Dio che vuole incontrare l’uomo. I precetti diventano obbrobriosi quando sostituiscono il dato fondamentale della fede e della vita del popolo di Dio. E portano all’infedeltà grave verso i precetti del Signore. Gli esempi che Gesù porta per mettere in evidenza come il precetto che non guarda l’uomo rimane vuoto riguardano il cibo e il rapporto con i genitori. L’accusa di Gesù è severa: “…avete annullato la parola di Dio con la vostra tradizione”. Notate bene come Gesù non voglia essere il sovvertitore dell’ordine e della pace vera. Per questo Egli cita l’antico profeta e dichiara che il pericolo di queste deviazioni della legge e della tradizione sono gravi e devastanti. Ieri come oggi. Per la nostra vita personale, per la coscienza di ciascuno, come per il cammino e per la vita di tutto il Popolo di Dio.

Commento

preghiamo per Marco.

2 pensieri su “martedì 28 marzo

  1. sr Rita

    Onorare Dio con le labbra e avere il cuore lontano…Una situazione che si può verificare nei confronti di Dio, ma anche delle persone. La libertà del cuore permette di coniugare doveri e tradizioni, legge e novità. Quanto farisaismo si annida ancora nel nostro cuore. Il Signore ci liberi e ci renda aperti all’ascolto vero della sua parola di libertà.

    Rispondi
  2. Elena

    Già nel Vangelo di domenica si sprecano parole e pensieri per affermare ciò che è ingiusto in nome di giustizie effimere e ipocrite, che Gesù smonta pezzo per pezzo. Gli uomini costruiscono difese usando parole belle quanto vuote. La verità dov’è?
    Nelle piccole cose ordinarie, sante e giuste, non per pretesa ma per fatti… Che il Signore Gesù ci illumini nella ricerca e nel coltivare ciò che veramente ha senso e rende migliori le persone e le relazioni. Preghiamo per Marco e per chi è ancora capace di guardare oltre e attraverso le tradizioni, le culture, le norme nella ricerca di Te.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.