martedì 23 luglio

di | 23 Luglio 2019

 lettera di Giuda

1 Giuda, servo di Gesù Cristo, fratello di Giacomo, agli eletti che vivono nell’amore di Dio Padre e sono stati preservati per Gesù Cristo.

Commento

Continuiamo il commento di quel gruppo di lettere che vengono definite cattoliche. Ecco la brevissima lettera di Giuda. ll nome Giuda era molto comune in Israele. Il suo significato in lingua ebraica vuol dire“che Dio sia lodato”. Purtroppo questo nome non gode più di grande popolarità ed è quasi considerato sinonimo di traditore. Tutti, infatti, conoscono il più famoso Giuda Iscariota, il discepolo di Gesù che lo tradì. Ma chi è l’autore di questa lettera? Egli si presenta semplicemente come fratello di Giacomo, probabilmente riferendosi all’esponente della chiesa di Gerusalemme e autore dell’omonima epistola. La lettera è stata scritta attorno alla fine del 1 sec. D.C. Perché Giuda scrisse questa lettera? Egli stava considerando attentamente la possibilità di scrivere ai destinatari una lettera di edificazione avente come tema la salvezza. Però, la notizia del diffondersi di una eresia che rischiava di corrompere i destinatari costrinse Giuda a cambiare programma e scrivere una lettera di ben altro tenore. I fratelli dovevano essere incoraggiati a combattere un nemico insidioso che si infiltra nella vita della chiesa. Si tratta di certi uomini che Giuda definisce senza mezzi termini “empi”, malvagi. Vedremo di che tipo di eresia si tratta. Sappiamo però che dal  primo secolo della storia della chiesa essa è impegnata a lottare contro ogni forma di eresia che ne facesse perdere il bagaglio vero della fede. Questa lotta a volte è fatta con gli scritti e gli studi, come in questo caso, altre volte la chiesa per combattere le eresie ha usato bene altri strumenti…

Preghiamo

Preghiamo per la comunità del pane che ho incontrato stasera.

 

2 pensieri su “martedì 23 luglio

  1. Elena

    Accogliamo questa nuova lettura meditata e condivisa. Certo la chiesa di ogni tempo deve aver combattuto contro.pgni genere di eresia, con mezzi, a volte, assai poco cristiani e vicini allo Spirito si Gesù. Anche la chiesa è fatta di uomini, di fatiche, di fragilità. Preghiamo per la comunità del pane e per la comunità dei credenti.

    Rispondi
  2. srAlida

    Non pensavo infatti al significato di questo nome “Che Dio sia lodato ” Dispiace che non si usi per ciò che avvenuto ….Certo la Chiesa è fatta di noi uomini ogni tempo ha le sue lotte ,le sue opportunità di rendersi migliore ,se rimaniamo in ascolto del Maestro ,prego con voi per la Chiesa e per la comunità del pane .

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.