martedì 12 dicembre

di | 11 Dicembre 2017

lettera ai romani Rm 9,6-13                                                  

 6Tuttavia la parola di Dio non è venuta meno. Infatti non tutti i discendenti d’Israele sono Israele, 7né per il fatto di essere discendenza di Abramo sono tutti suoi figli, ma: In Isacco ti sarà data una discendenza; 8cioè: non i figli della carne sono figli di Dio, ma i figli della promessa sono considerati come discendenza. 9Questa infatti è la parola della promessa: Io verrò in questo tempo e Sara avrà un figlio. 10E non è tutto: anche Rebecca ebbe figli da un solo uomo, Isacco nostro padre; 11quando essi non erano ancora nati e nulla avevano fatto di bene o di male – perché rimanesse fermo il disegno divino fondato sull’elezione, non in base alle opere, ma alla volontà di colui che chiama –, 12le fu dichiarato: Il maggiore sarà sottomesso al minore,13come sta scritto:Ho amato Giacobbe e ho odiato Esaù.

Commento

Abbiamo detto di come in questi capitoli Paolo vuole in qualche modo parlare non certo senza sofferenza dei suoi fratelli ebrei. Di fatto l’affermazione centrale di oggi è che anche se Israele non riconosce il messia, non significa che “la parola di Dio è venuta meno”!. Paolo ricorda che quello che ora accade, è in certo modo sempre accaduto. Tale è stato sempre infatti il grande paradigma della fede. “Non tutti i discendenti d’Israele sono Israele”: questa espressione così diretta e forte introduce il ricordo di come sempre si sia manifestata l’elezione di Dio. La discendenza di Abramo sarà quella che viene da Isacco. Genesi ci ricorda la vicenda di Isacco e di Ismaele: solo la generazione di Isacco è il vero Israele. In questo ricordo della storia, la contrapposizione è quella tra “carne” e “promessa”: i figli nella linea della storia di Israele e della sua elezione divina sono quelli della promessa e non quelli della carne. E’ opportuno qui ricordare che Israele stesso è stato eletto! Se queste affermazioni non vi piacciono, pensate quanto sia importante – direi decisivo! – che la salvezza sia veramente tale, e non sia legata a condizioni e a opere umane. Teniamo fermo che tutto è sempre grazia, cioè dono di Dio! Ricordiamo dunque la “promessa”: “Verrò in questo tempo e Sara avrà un figlio”. Dunque questa elezione di Israele non è merito, privilegio o legame di sangue, ma dono. Paolo vuole aiutare i suoi fratelli ebrei a comprendere proprio questo passaggio. Popolo eletto si, ma per grazia. Questo vale anche per  la chiesa e i credenti. Non esiste legame di sangue, ma di dono. Gesù al riguardo ci ricorda: chi è mia madre, i miei fratelli, i miei parenti, chi fa la volontà del padre mio.

Preghiamo

Preghiamo per Daniele.

4 pensieri su “martedì 12 dicembre

  1. Tiziana

    Figli della Promessa.
    Siamo figli per dono e grazia diDio,ma la parola promessa mi fa pensare che ci viene richiesto anche un atto di fiducia. Fede per accogliere il Suo dono.
    Prego per Daniele e per Manuela e suo marito

    Rispondi
  2. srAlida

    Rimanesse fermo il disegno di Dio e alla Sua volontà che chiama. Si parla di figli ,di fecondità di vita…… nonostante noi ,Dio mantiene la Sua promessa,non una salvezza legata alle opere ,all’umano ma TUTTO GRAZIA E DONO.. Che possiamo accorgerci di quanto viviamo per grazia e per dono e ringraziare Dio ,rimanendo fedeli al solco del Suo volere pensato per noi .
    Prego con voi per Daniele ,per Manuela e suomarito ,per Adriana che ha problemi in famiglia.

    Rispondi
  3. sr Rita

    ….Tuttavia la parola di Dio non è venuta meno. Sapere che la Parola non viene meno, che Dio è un uomo fedele che mantiene la parola, le promesse… ci fa tirare il fiato. Dentro un mondo di corrotti e mentitori fa bene sapere che almeno Lui è differente. Questa soddisfazione ci contamini e ci renda più giusti della giustizia che il Signore viene a portarci col Natale.

    Rispondi
  4. . Elena

    La promessa, il dono, la grazia…. a volte è proprio difficile fidarci, affidarci e confidare perché e finché la promessa diventi realtà. Preghiamo per non dubitare, per accogliere ed ascoltare, per comprendere e avere pazienza, fiducia e speranza. Il Signore illumini i nostri pensieri e le nostre volontà di adesione alla sua parola.
    Preghiamo per le intenzioni espresse da tutti noi…

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.