lunedì 6 agsoto

di | 5 Agosto 2018

1 corinti1 Co9,24-10,13                                 

 24 Non sapete che nelle corse allo stadio tutti corrono, ma uno solo conquista il premio? Correte anche voi in modo da conquistarlo! 25 Però ogni atleta è temperante in tutto; essi lo fanno per ottenere una corona corruttibile, noi invece una incorruttibile. 26 Io dunque corro, ma non come chi è senza mèta; faccio il pugilato, ma non come chi batte l’aria, 27 anzi tratto duramente il mio corpo e lo trascino in schiavitù perché non succeda che dopo avere predicato agli altri, venga io stesso squalificato. 10,1 Non voglio infatti che ignoriate, o fratelli, che i nostri padri furono tutti sotto la nuvola, tutti attraversarono il mare, 2 tutti furono battezzati in rapporto a Mosè nella nuvola e nel mare, 3 tutti mangiarono lo stesso cibo spirituale, 4 tutti bevvero la stessa bevanda spirituale: bevevano infatti da una roccia spirituale che li accompagnava, e quella roccia era il Cristo. 5 Ma della maggior parte di loro Dio non si compiacque e perciò furono abbattuti nel deserto. 6 Ora ciò avvenne come esempio per noi, perché non desiderassimo cose cattive, come essi le desiderarono. 7 Non diventate idolàtri come alcuni di loro, secondo quanto sta scritto: Il popolo sedette a mangiare e a bere e poi si alzò per divertirsi. 8 Non abbandoniamoci alla fornicazione, come vi si abbandonarono alcuni di essi e ne caddero in un solo giorno ventitremila. 9 Non mettiamo alla prova il Signore, come fecero alcuni di essi, e caddero vittime dei serpenti. 10 Non mormorate, come mormorarono alcuni di essi, e caddero vittime dello sterminatore. 11 Tutte queste cose però accaddero a loro come esempio, e sono state scritte per ammonimento nostro, di noi per i quali è arrivata la fine dei tempi. 12 Quindi, chi crede di stare in piedi, guardi di non cadere. 13 Nessuna tentazione vi ha finora sorpresi se non umana; infatti Dio è fedele e non permetterà che siate tentati oltre le vostre forze, ma con la tentazione vi darà anche la via d’uscita e la forza per sopportarla.

Commento

Vi è come un’unica grande esigenza nella logica di Paolo: quella del dono, del farsi servo di tutti. Questa è anche la nostra grande e unica esigenza della vita cristiana. La carità è il vero, unico, grande impegno etico della vita cristiana. Infatti, è nel conseguimento della carità che tutti gli aspetti della vita vengono coinvolti. La carità infatti è la fonte e il fine dell’intera esperienza cristiana. In questi Paolo propone l’immagine dell’atleta di cui descrive tre atteggiamenti. Il primo è la continenza: l’atleta la pratica in vista di una corona corruttibile , il cristiano per una corona incorruttibile. Il secondo è la direzione della vita: senza incertezze e esitazioni. Il terzo è la lotta del pugilatore, che non dà pugni all’aria; ma qui appare la nota della lotta cristiana che non è contro nessuno, ma è contro le potenze negative che ognuno trova in sé stesso, nella sua naturalità ferita, che deve incessantemente “morire”, per risorgere nuova in Gesù. La dinamica di tutto questo è la conquista del premio! Qui però sta la vera particolarità dell’esperienza cristiana: la conquista del premio coincide con l’accoglimento e la custodia del dono della salvezza offerta da Dio, questo è il nostro premio.

Preghiamo

Preghiamo per la pace nel mondo

3 pensieri su “lunedì 6 agsoto

  1. srAlida

    ,accogliere il dono della salvezza ..avere una meta e percorrere il cammino verso quella meta,con temperanza……a servizio della vera carità….Aiutaci a seguire Signore il progetto
    di bene per noi e per chi ci affidi .

    Rispondi
  2. sr Rita

    Dio è fedele e non permetterà che siate tentati oltre le vostre forze, ma con la tentazione vi darà anche la via d’uscita e la forza per sopportarla.
    Con la fiducia nella parola di Dio fedele, preghiamo per chi di fronte alla tentazione rischia di buttare via tutto il bene che ha.

    Rispondi
  3. . Elena

    Una nuova umanità, quella proposta da Paolo per mezzo di Cristo. Un nuovo modo di concepire la vita, le relazioni, le difficoltà, la tentazione per cercare e darne risposte. Un nuovo modo per non disperarsi, ma per affrontare la fragilità del nostro essere umani. Un’ottica di salvezza, per dono del sacrificio del Signore Gesù che ha aperto via e vita nuova.
    Preghiamo per la pace e per tutti coloro che sono in ricerca del bene.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.