lunedì 11 gennaio

di | 10 Gennaio 2021

qoelet 3,1-22

Tutto ha il suo momento, e ogni evento ha il suo tempo sotto il cielo.

2C’è un tempo per nascere e un tempo per morire,
un tempo per piantare e un tempo per sradicare quel che si è piantato.
3Un tempo per uccidere e un tempo per curare,
un tempo per demolire e un tempo per costruire.
4Un tempo per piangere e un tempo per ridere,
un tempo per fare lutto e un tempo per danzare.
5Un tempo per gettare sassi e un tempo per raccoglierli,
un tempo per abbracciare e un tempo per astenersi dagli abbracci.
6Un tempo per cercare e un tempo per perdere,
un tempo per conservare e un tempo per buttar via.
7Un tempo per strappare e un tempo per cucire,
un tempo per tacere e un tempo per parlare.
8Un tempo per amare e un tempo per odiare,
un tempo per la guerra e un tempo per la pace.
9Che guadagno ha chi si dà da fare con fatica?

10Ho considerato l’occupazione che Dio ha dato agli uomini perché vi si affatichino. 11Egli ha fatto bella ogni cosa a suo tempo; inoltre ha posto nel loro cuore la durata dei tempi, senza però che gli uomini possano trovare la ragione di ciò che Dio compie dal principio alla fine. 12Ho capito che per essi non c’è nulla di meglio che godere e procurarsi felicità durante la loro vita; 13e che un uomo mangi, beva e goda del suo lavoro, anche questo è dono di Dio. 14Riconosco che qualsiasi cosa Dio fa, dura per sempre; non c’è nulla da aggiungere, nulla da togliere. Dio agisce così perché lo si tema. 15Quello che accade, già è stato; quello che sarà, già è avvenuto. Solo Dio può cercare ciò che ormai è scomparso. Uomini e animali di fronte alla morte 16Ma ho anche notato che sotto il sole al posto del diritto c’è l’iniquità e al posto della giustizia c’è l’iniquità. 17Ho pensato dentro di me: «Il giusto e il malvagio Dio li giudicherà, perché c’è un tempo per ogni cosa e per ogni azione».
18Poi, riguardo ai figli dell’uomo, mi sono detto che Dio vuole metterli alla prova e mostrare che essi di per sé sono bestie. 19Infatti la sorte degli uomini e quella delle bestie è la stessa: come muoiono queste, così muoiono quelli; c’è un solo soffio vitale per tutti. L’uomo non ha alcun vantaggio sulle bestie, perché tutto è vanità. 20Tutti sono diretti verso il medesimo luogo:
tutto è venuto dalla polvere e nella polvere tutto ritorna. 21Chi sa se il soffio vitale dell’uomo sale in alto, mentre quello della bestia scende in basso, nella terra? 22Mi sono accorto che nulla c’è di meglio per l’uomo che godere delle sue opere, perché questa è la parte che gli spetta; e chi potrà condurlo a vedere ciò che accadrà dopo di lui?

Commento

È un testo molto lungo e quindi mi soffermo solo su alcuni particolari. Tutto ha il suo momento e tutto accade sotto il cielo. Vuol dire che ciascuno di noi è chiamato a vivere sotto questo cielo e a vivere il tempo che accade. Il quella lunga catena di, c’è un tempo per e un tempo per il suo contrario sono descritte le varie attività umane che accadono sotto il cielo. Non sono messe li a caso. Sotto 14 coppie di contrari e 28 momenti che riassumo tutto il mondo della conoscenza. Questa scienza è detta scienza dei momenti. Che cosa si vuole dire. come prima cosa che questo è il tempo che accade sotto il cielo, che queste sono le attività umane. Noi un po’ moralisti possiamo dire: che brutta cosa l’odio, la guerra, il pianto e che bella cosa il suo contrario. Qoelet dice invece che per quanto riguarda la mia e la nostra conoscenza succede proprio così, succede questo. Prendo atto che si odia e si ama, che c’è pace e c’è guerra. Questo succede sotto il cielo, sulla terra. Per ogni cosa c’è il suo momento e il contrario del suo momento. Nel ritmo della vita ci sono questi contrari e se noi non ne prendiamo atto e non cerchiamo di assumerli e di viverli non siamo incarnati in questa terra. Le cose non vanno inevitabilmente verso una direzione o solo buona o solo cattiva, si mescolano continuamente in uno strano gioco dei contrari. E allora che fare. ci viene anche solo chiesto di essere responsabili del tempo, degli avvenimenti, che appaiano sotto il sole, ben sapendo che la responsabilità dell’uomo è sempre molto incerta.

Preghiamo

Preghiamo per tutti coloro che hanno responsabilità

2 pensieri su “lunedì 11 gennaio

  1. Elena

    Testo bellissimo che lascia spazio a molti pensieri, a molte riflessioni. Davvero nella vita c’è un tempo ( e oserei dire anche uno spazio) per tutto. Questi nostri giorni incerti ed oscuri ce lo dimostrano con chiarezza, nel caso non ce ne fossimo accorti. Ma come io mi pongo di fronte alle cose della vita, belle o brutte che siano, dipende da me, da me soltanto la responsabilità del viverle.

    Rispondi
  2. sr Alida

    Un tempo per ogni cosa….il nostro vivere è limite e possibilità ogni cosa e ogni evento sembra dirmi è così ci sono molti opposti.. Da volgere al bene vivendo con i piedi per terra e lo sguardo al cielo si può. La precarietà del tempo ci insegna la metà più vera e più ella con le sue tappe nel nostro cammino. Mi unisco alla preghiera per chi ha responsabilità e anche per la nostra quotidiana responsabilità.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.