tempo di immersione

di | 10 Gennaio 2021

Ci sono dentro fino in fondo nella realtà che vivo e che mi piace vivere. Vorrei capire bene, come dice il papa, se questa è la volontà di Dio sulla mia vita. Se capisco che questa è la volontà di Dio su di me, sono come in una botte di ferro. Posso andare tranquillo. Non ho mai avuto illuminazioni varie al riguardo, per cui ritengo abbastanza improbabile per il futuro una simile eventualità. Non ci saranno illuminazioni ne sono certo.  Questo discorso della volontà di Dio non vale solo per me, ma per tutti. Magari non parliamo di volontà di Dio, ma di capire che cosa scegliere nella vita e di conseguenza dove rimanere fermo, solido, centrato, questo sì. Ritengo che questo è uno dei grandi temi decisivi per ogni persona. io chiamo questo decidere per poi stare nella decisione la volontà di Dio su di me. Sento di avere una certezza che mi fa dire che sono già nella volontà di Dio, sono nella decisione giusta. È la certezza di essere uomo e prete. Tra l’altro sento che in questo periodo il confine tra le due esperienze è molto sottile, anzi non c’è: l’essere prete contamina l’essere uomo e l’essere uomo contamina l’essere prete. Mi piace questa contaminazione, mi piace questa sintesi che ho trovato tra uomo e prete, anzi più che una sintesi è proprio una contaminazione continua tra le due esperienza. Non riesco a fare sintesi nella mia storia, non ne sono capace. Mi piace lasciarmi contaminare dall’essere umano e dell’essere prete. Oggi ricordiamo il battesimo di Gesù. è un battesimo per immersione, si entrava nel fiume Giordano e si usciva creature nuove. quello era il significato di quel gesto. Gesù entra nel fiume Giordano ed  è come se si immergesse nell’umanità intera. Il suo è veramente uno stare dentro il mondo in tutto tranne che nel peccato. Ho quasi l’impressione che questa mia immersione quotidiana dentro un determinato mondo che è quello dei poveri, dei semplici, degli scarti, mi ha fatto diventare creatura nuova. E allora sono abbastanza certo che la volontà di Dio su di me è questa immersione nel mondo della sofferenza. Nessun luogo e nessuna esperienza mi potrà togliere questa immersione nella vita sofferta e scartata. A questo punto metto come un paletto chiaro: la volontà di Dio su di me è abbastanza probabile che è questa vita che sto vivendo in mezzo alla sofferenza e alla fatica umana, contaminando prete e uomo, sacerdozio e umanità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.