giovedì 19 marzo

di | 18 Marzo 2020

Giovedì 19 marzo – festa di san Giuseppe – Dal Vangelo secondo Matteo

Giacobbe generò Giuseppe, lo sposo di Maria, dalla quale è nato Gesù, chiamato Cristo.
Così fu generato Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. Giuseppe suo sposo, poiché era uomo giusto e non voleva accusarla pubblicamente, pensò di ripudiarla in segreto. Mentre però stava considerando queste cose, ecco, gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati».
Quando si destò dal sonno, Giuseppe fece come gli aveva ordinato l’angelo del Signore.

Commento

Per un giorno lasciamo il vangelo di Luca e parliamo di San Giuseppe. Mi sembra anche giusto in questi giorni difficili ricordare tutto i nostri papà..  Solo un uomo di fede grande e di forte umiltà poteva credere con semplicità a un mistero tanto superiore ai nostri pensieri quale quello della nascita di Gesù. E Giuseppe fu quell’uomo. Egli non comprendeva ciò che era accaduto a Maria, ma poteva leggere nei suoi occhi la sua innocenza, e non sopportava vederla oggetto degli scherni di tutta Nazaret per la sua gravidanza. Per questo non la ripudiò. A costo della sua reputazione. Infatti i suoi concittadini lo ritenevano incapace di assumersi le proprie responsabilità volute dalla legge. Nel modo di comportarsi di Giuseppe c’è il totale sacrificio di sé per il bene di Maria: egli applica la legge dell’amore, il cuore del Vangelo. Non solo, ma appena riceve, in sogno, il messaggio dell’angelo, lascia la sua casa, la sua terra per andare in Egitto per poi ritornare appena giunge un altro invito dal cielo. Lui, generoso e fedele, non ha piani per sé, si abbandona, giorno dopo giorno, alla volontà di Dio. Giuseppe è l’uomo giusto e l’uomo paziente che affronta le diverse circostanze della vita: quelle di gioia, di stupore, di turbamento e di mistero. Giustamente è stato chiamato l’ombra del Padre. La presenza di Dio vicino a Gesù.

Preghiamo

Preghiamo per tutti i papà.

5 pensieri su “giovedì 19 marzo

  1. Anonimo

    Bella l immagine di Giuseppe ombra del Padre!!
    Una preghiera ed un grazie per chi,ancor più in questi giorni, si dona per il bene degli altri, se ne prende cura,come Giuseppe con Maria e Gesù.donaci Signore un briciolo della fede di quest uomo umile e paziente che anche nelle difficoltà si fida e affida a Te,lasciandosi guidare nel Tuo disegno di vita.
    Prego per tutti i papà e per chi porta questo nome importante,Giuseppe ombra del Padre,presenza di Dio!

    Rispondi
  2. sr Alida

    Giuseppe ombra del Padre ,presenza di Dio ….Preghiamo per tutti i papà e per chi porta il nome di Giuseppe in particolare mio fratello e mio cognato ……

    Rispondi
  3. Elena

    Voglio pregare per tutti i papà, quelli che abitano le nostre vite e i nostri cuori, anche se non ci sono più fisicamente,e quelli che ancora si adoperano per il bene della famiglia e dei figli. Per i papà in fatica e per quelli “per errore” perché essere padri è una grande responsabilità ed un grande impegno. Per tutti. E rivolgo al Padre una preghiera perché accolga nel Suo amore chi, a noi caro, ancora ci sta lasciando in questi giorni. Sono tanti papà e mamme, sono sacerdoti, medici, amici e conoscenti, vicini di casa…. Preghiamo per loro e per le loro famiglie.

    Rispondi
  4. sr Alida

    Preghiamo anche per i papà spirituali che non hanno loro figli ma hanno a cuore i figli di tutti gli altri….

    Rispondi
  5. Sr Rita

    San Giuseppe ci mostra come si può vivere la paternità, il prendersi cura in modo gratuito e fedele. Ci aiuti a vivere il “perdersi cura” dei fragili, di chi è in pericolo, di chi ha bisogno di paternità. Il Signore guardi con compassione questo mondo così in sofferenza e mostri a tutti la sua paternità.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.