Giovedì 12 aprile

di | 11 Aprile 2018

profeta geremia iconaGer 23,1-8

1 “Guai ai pastori che fanno perire e disperdono il gregge del mio pascolo”. Oracolo del Signore. 2 Perciò dice il Signore, Dio di Israele, contro i pastori che devono pascere il mio popolo: “Voi avete disperso le mie pecore, le avete scacciate e non ve ne siete preoccupati; ecco io mi occuperò di voi e della malvagità delle vostre azioni. Oracolo del Signore. 3 Radunerò io stesso il resto delle mie pecore da tutte le regioni dove le ho lasciate scacciare e le farò tornare ai loro pascoli; saranno feconde e si moltiplicheranno. 4 Costituirò sopra di esse pastori che le faranno pascolare, così che non dovranno più temere né sgomentarsi; di esse non ne mancherà neppure una. Oracolo del Signore. 5 “Ecco, verranno giorni – dice il Signore – nei quali susciterò a Davide un germoglio giusto, che regnerà da vero re e sarà saggio ed eserciterà il diritto e la giustizia sulla terra. 6 Nei suoi giorni Giuda sarà salvato e Israele starà sicuro nella sua dimora; questo sarà il nome con cui lo chiameranno: Signore-nostra-giustizia. 7 Pertanto, ecco, verranno giorni – dice il Signore – nei quali non si dirà più: Per la vita del Signore che ha fatto uscire gli Israeliti dal paese d’Egitto, 8 ma piuttosto: Per la vita del Signore che ha fatto uscire e che ha ricondotto la discendenza della casa di Israele dalla terra del settentrione e da tutte le regioni dove li aveva dispersi; costoro dimoreranno nella propria terra”.

Commento

Oggi nel brano vengono chiamati in causa i pastori, le guide del popolo. Sono coloro che hanno provocato con il loro comportamento la fine di Israele. Invece di custodire il popolo lo hanno come disperso, pensando solo a salvare se stessi. Forse questo limite e questo peccato dei pastori è inevitabile. Forse è addirittura “necessario” per provocare l’opera di Dio, che si manifesta come alternativa alla dispersione provocata dai pastori. Come si dovesse affermare che l’infedeltà dei pastori è il “punto di partenza” dell’azione salvifica del Signore, e non un “incidente di percorso” cui Dio stesso pone riparo. Questo sembra confermato dalle parole dove  Dio dice di sé: “Le ho lasciate scacciare”. Questo induce a considerare tutto non solo nella prospettiva di questi pastori infedeli e dell’azione sanante del Signore, ma anche in quella del gregge, che deve essere un gregge radunato e fatto tornare, cioè salvato.Tutto questo prepara la prospettiva messianica, e cioè l’attesa di un tempo e di una Persona, di un “germoglio giusto”, il Messia, assolutamente diverso, anzi portatore della stessa alternativa radicale manifestata da Dio stesso. Egli “regnerà da vero re”, e quindi restituirà la vera fisionomia del regno e del regnare, opposta al potere esercitato con violenza e arbitrio dai pastori mondani. Egli si identificherà con la sua stessa giustizia, e il popolo stesso si qualificherà attraverso questa giustizia piena manifestata da Dio stesso nel suo Eletto.

Preghiamo

Preghiamo per tutti  i malati

4 pensieri su “Giovedì 12 aprile

  1. srAlida

    Quanto respiro ,quanto positivo quanta speranza per il futuro per mezzo dell’azione sanante Dio che ci riaccompagna sempre. Prego per tutti gli ammalati

    Rispondi
  2. sr Rita

    ….mi occuperò di voi e della malvagità delle vostre azioni.
    Costituirò sopra di esse pastori che le faranno pascolare, così che non dovranno più temere né sgomentarsi; di esse non ne mancherà neppure una. Qualche volta mi vien da dire: Signore fa presto a prenderti cura tu stesso delle tue pecore …suscita questi pastori promessi…
    Preghiamo per i pastori e per le pecore…..

    Rispondi
  3. Pinuccia

    Di esse non ne mancherà neppure una: che bello Signore tu non ti dimentichi di nessuno!
    Per chiamo per gli ammalati e per chi si sente perso e sgomento.

    Rispondi
  4. . Elena

    Penso a tutti i nostri pastori, a noi pecore…. e prego per loro e per noi. Accolgo la lettura di Geremia con la gioia dell’annuncio di un” Signore-nostra-giustizia”. E sono grata, perché noi l’abbiamo conosciuto e anche se più e più volte rifiutato, c’è, è il Vivente, ed è consolazione e speranza di molti. È salvezza e redenzione, è il ritorno di Dio possibile e desiderato. Resta con noi, Signore….
    Una preghiera accompagna gli ammalati, gli sfiduciati e coloro che soffrono per tante ragioni.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.