domenica 4 giugno

di | 3 Giugno 2017

trinità domenica di pentecoste – dal vangelo secondo  Giovanni

La sera di quel giorno, il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, stette in mezzo e disse loro: «Pace a voi!». Detto questo, mostrò loro le mani e il fianco. E i discepoli gioirono al vedere il Signore. Gesù disse loro di nuovo: «Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anche io mando voi». Detto questo, soffiò e disse loro: «Ricevete lo Spirito Santo. A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a coloro a cui non perdonerete, non saranno perdonati».

Commento

La solennità di Pentecoste è forse una della più importanti feste dell’anno liturgico. È importante perché ci ricorda il dono dello spirito Santo e l’inizio dell’avventura della testimonianza della chiesa. Mentre erano chiuse le porte del cenacolo per paura dei Giudei, ecco accadere qualcosa che ribalta la vita degli apostoli, che rovescia come un guanto quel gruppetto bloccato dietro porte sbarrate. Qualcosa ha trasformato uomini barcollanti d’angoscia, in persone danzanti di gioia, “ubriache” di coraggio: è lo Spirito, fiamma che riaccende le vite, vento che dilaga nel mondo, terremoto che fa cadere le costruzioni pericolanti, sbagliate, e lascia in piedi solo ciò che è davvero solido. È accaduta la Pentecoste e si è sbloccata la vita. E il dono di Gesù, quello ultimo, finale è la pace. E infine gioca al rialzo, offre un di più: alitò su di loro e disse: ricevete lo Spirito Santo. Lo Spirito è il respiro di Dio. nel cenacolo, stanza chiusa, entra il respiro ampio e profondo di Dio. E come in principio il Creatore soffiò il suo alito di vita su Adamo, così ora Gesù soffia vita, trasmette ai suoi ciò che lo fa vivere, quel principio vitale e luminoso, quella intensità che lo faceva diverso, che faceva unico il suo modo di amare, e spalancava orizzonti.

 

Preghiamo

Preghiamo per la chiesa.

2 pensieri su “domenica 4 giugno

  1. sr Alida

    “Del Tuo Spirito ,Signore è piena la terra!” Qualcosa che trasforma uomini barcollanti in persone gioiose…Travolge ,ma lascia in piedi solo ciò che è solido…Offre un di più ,di cui spesso abbiamo bisogno .Pace a voi ,l’unico che dona la pace e che ridona fiducia perchè è il Risorto che viene a noi ..Per dare serietà al nostro vivere ,ma anche per gioire come i bambini ..Qualcosa che determina la qualità di ciò che sei e che fai …che diffonde doni diverse In queste risonanze raccolte ,chiedo fortemente lo Spirito Santo per la Chiesa ,per noi ,per me …Perchè ci invada la Sua forza .

    Rispondi
  2. sr Rita

    Da situazioni di timore i discepoli passano alla gioia e alla missione. Escono, annunciano, sono capiti…e Gesù è portato a tutti gli uomini che lo accolgono attraverso la povera mediazione di uomini paurosi, semplici e fragili. Un messaggio di speranza per le nostre piccole vite e per la chiesa di oggi.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.