domenica 27 novembre

di | 26 Novembre 2016

lorenzo_lotto-nativita_1523

durante il tempo di avvento una volta la settimana aggiungerò una riflessione in più. verranno presentate 4 opere d’arte che ci narrano della natività. troverete queste brevi note nella sezione news del blog. magari può essere l’occasione per  invitare altri a leggere i nostri testi. la prima di queste opere d’arti è l’immagine che vedete qui a fianco: la natività di Lorenzo Lotto. la spiegazione la troverete lunedì.

 1 domenica tempo di Avvento

Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: 
«Come furono i giorni di Noè, così sarà la venuta del Figlio dell’uomo. Infatti, come nei giorni che precedettero il diluvio mangiavano e bevevano, prendevano moglie e prendevano marito, fino al giorno in cui Noè entrò nell’arca, e non si accorsero di nulla finché venne il diluvio e travolse tutti: così sarà anche la venuta del Figlio dell’uomo. Allora due uomini saranno nel campo: uno verrà portato via e l’altro lasciato. Due donne macineranno alla mola: una verrà portata via e l’altra lasciata.
Vegliate dunque, perché non sapete in quale giorno il Signore vostro verrà. Cercate di capire questo: se il padrone di casa sapesse a quale ora della notte viene il ladro, veglierebbe e non si lascerebbe scassinare la casa. Perciò anche voi tenetevi pronti perché, nell’ora che non immaginate, viene il Figlio dell’uomo».

Commento

Iniziamo il tempo di avvento, che ci prepara al Natale. Matteo nel vangelo paragona la venuta di Gesù a quella di un ladro, cioè è imprevedibile, non sai quando e come viene. Questo ci porta a dire una cosa: vegliate per capire quando è il momento della venuta di Gesù. La veglia non è di un momento, ma di tutta la vita, non è un’azione legata ad un tempo, ma di ogni tempo e di ogni situazione. La veglia descritta nel vangelo prevede di stare bene attenti ad una cosa: vi è come una promessa di vita portata da Dio fin dal tempo di Noè. Tale promessa non viene meno neanche di fronte ad un diluvio, neanche di fronte al male più grande. Questa promessa trova il suo compimento nella venuta di Gesù. Il problema non sta nella fedeltà alla promessa da parte di Dio, ma nella fedeltà alla veglia da parte degli uomini. Infatti gli uomini al tempo di Noè non facevano niente di male: mangiavano e bevevano, prendevano moglie e prendevano marito, purtroppo erano così presi da questa attività che non si accorsero di nulla quando venne il diluvio. Così presi dai nostri affari non ci accorgiamo di nulla. Questo è proprio il contrario della veglia che si accorge di tutto. La nostra è una generazione che non si accorge di nulla. Che non ha attenzione e lucidità. È inghiottita dagli eventi. il rimprovero di Gesù è per questa indifferenza, questa incoscienza. Vivere, ma senza sospetto, senza discernimento. Senza interrogazione. Senza interrogazione profonda. E quindi manchiamo l’appuntamento con la promessa di vita. Io traduco la promessa di vita e la vigilanza, contro il non accorgersi di nulla nella capacità di costruire il futuro non di distruggere il futuro.

Preghiamo

Preghiamo perché i cristiani all’inizio di questo avvento possa vigilare sul mondo con la parola di Dio in mano.

3 pensieri su “domenica 27 novembre

  1. Elena

    Buon cammino di Avvento per ciascuno. Una preghiera per tutti i cristiani e per quanto cercano con attenzione e trepidazione positiva un mondo altro, il nuovo modo di concepire e vivere la vita indicato dalla stessa vita di Gesù.

    Rispondi
  2. sr Rita

    La liturgia della prima domenica di Avvento è un invito alla consapevolezza di ciò che può accadere nel momento presente: svegliarsi dal sonno, vegliare, accorgersi, alzare il capo….La salvezza è vicina, succede in questo momento, in questa situazione. Buon avvento a tutti voi. Buon avvento ai popoli che aspettano liberazione e anche a chi non aspetta più nulla. Il regno dei cieli è vicino per tuti e si chiama Gesù, figlio del Dio misericordioso.

    Rispondi
  3. sr.Alida

    Vegliare ,tenersi pronti ,per vivere da credenti …non si può vivere senza accorgersi di nulla e di nessuno …senza ricordare volti di donne e di uomini che soffrono ,in tanti modi ..Una attesa e ricerca del Signore in ogni fragilità …in ogni vicenda sofferta o lieta del cuore umano…nella preghiera per i cristiani ,in particolare quelli che anche oggi sono perseguitati Buon Avvento !

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.