domenica 21 aprile

di | 21 Aprile 2019

I discepoli di Emmaus – Arcabas

domenica di Pasqua – Dal Vangelo secondo Giovanni

Il primo giorno della settimana, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di mattino, quando era ancora buio, e vide che la pietra era stata tolta dal sepolcro. Corse allora e andò da Simon Pietro e dall’altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l’hanno posto!».  Pietro allora uscì insieme all’altro discepolo e si recarono al sepolcro. Correvano insieme tutti e due, ma l’altro discepolo corse più veloce di Pietro e giunse per primo al sepolcro. Si chinò, vide i teli posati là, ma non entrò.  Giunse intanto anche Simon Pietro, che lo seguiva, ed entrò nel sepolcro e osservò i teli posati là, e il sudario – che era stato sul suo capo – non posato là con i teli, ma avvolto in un luogo a parte.  Allora entrò anche l’altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette. Infatti non avevano ancora compreso la Scrittura, che cioè egli doveva risorgere dai morti.

Commento

Nel mattino di Pasqua, il verbo correre dona l’immagine dinamica di chi è attratto dall’amore verso Gesù. La prima a muoversi è una donna, Maria di Magdala, che nella notte ha preparato gli oli profumati per ungere il suo Maestro. Con uno struggente gesto di adorazione e di dolore sfida il buio per raggiungere al più presto l’amato.  Poi, sollecitati da Maria, corrono pure Simon Pietro e Giovanni. Vedono i segni del Risorto: la pietra ribaltata, il sudario ben piegato, le bende. E, finalmente, gli si aprono gli occhi e credono. E lo stesso Giovanni, protagonista dell’evento e redattore del Vangelo ammette: “Non avevano infatti ancora compreso la Scrittura, che egli cioè doveva risuscitare dai morti”. Il premio di una ricerca amorosa è l’incontro con il fatto straordinario che ha sconvolto la storia di tutti i tempi. buona Pasqua nel Signore a tutti

Preghiamo

Preghiamo per chi ogni giorno cerca di rinascere alla vita.

3 pensieri su “domenica 21 aprile

  1. sr rita

    il sepolcro vuoto è il segno della risurrezione. Credettero non vedendo Gesù, ma vedendo il sepolcro vuoto. Allora i luoghi della “assenza” possono diventare segni della PRESENZA nuova del Signore. Ci sai dato un poco di fede per credere.
    Buona Pasqua Don Sandro, Don Roberto e tutti coloro con cui ci si incontra anche con questa comunicazione.

    Rispondi
  2. sr Alida

    Che questa Pasqua ,cambi la nostra vita ,per cogliere ,quanto è essenziale sperare ed attendere cercare quel Volto,nello scoprire il pezzetto di Cielo che è in ciascuno,e portarlo con noi sempre …Buona Pasqua ! A don Sandro e don Roberto,per chi ogni giorno cerca di rinascere a noi che che ci incontriamo in queste comunicazioni .Preghiamo per chi fatica a rinascere nel Signore come Stefano e Rosi .

    Rispondi
  3. Elena

    Assenza riempita di Amore, vuoto e paura riempiti di fede luminosa. Il Signore non è più tra i morti. Credere in Lui è anche sfidare e vincere la morte, nella certezza della vita che ci aspetta oltre. Una Buona Santa Pasqua nella Vita che riempie di senso ogni nostro correre, ogni nostro gesto,ogni nostro amare!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.