domenica 1 novembre

di | 31 Ottobre 2020

solennità dei santi – dal vangelo di Matteo

In quel tempo, vedendo le folle, Gesù salì sul monte: si pose a sedere e si avvicinarono a lui i suoi discepoli. Si mise a parlare e insegnava loro dicendo:
«Beati i poveri in spirito,
perché di essi è il regno dei cieli.
Beati quelli che sono nel pianto,
perché saranno consolati.
Beati i miti,
perché avranno in eredità la terra.
Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia,
perché saranno saziati.
Beati i misericordiosi,
perché troveranno misericordia.
Beati i puri di cuore,
perché vedranno Dio.
Beati gli operatori di pace,
perché saranno chiamati figli di Dio.
Beati i perseguitati per la giustizia,
perché di essi è il regno dei cieli.
Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia. Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli».

Commento

Chi è il santo? Un dizionario di spiritualità recita: ‘colui che si dedica a cose sacre; che vive secondo la Legge di Dio, che osserva i suoi comandamenti. Anche se questa definizione circola ancora molto nel comune modo di pensare, non è da ritenersi evangelica e tantomeno cristiana. Gesù – nei vangeli – non lo troviamo mai alle prese col sacro e non invita alcuno alla santità. Ciò a cui Gesù invita è piuttosto alla misericordia: “Siate misericordiosi come il Padre vostro è misericordioso” In un altro passo afferma che se si vive da misericordiosi si diverrà ‘perfetti come il Padre’, cioè compiuti, realizzati. Ciò che emerge dunque dal vangelo è che la santità è un cammino (un lungo cammino) verso la propria piena umanizzazione. Diventare santi, stando al vangelo, significa divenire donne e uomini completi, fioriti. Anzi, in Luca Gesù afferma che il vivere attraverso il bene porta ad essere addirittura ‘figli di Dio’, della sua stessa sostanza. Divini! “Ecco chi è dunque il santo: colui che procede sulla strada del proprio compimento, la propria pienezza, consapevole che a ciò si giunge non cancellando l’ombra che lo abita, bensì accogliendola e integrandola. Il santo è un uomo riconciliato con se stesso, con il mondo, con gli altri e con Dio.

preghiamo

preghiamo per tutta la gente che soffre

2 pensieri su “domenica 1 novembre

  1. Elena

    Riempici della Tua. Misericordia, Signore, perché possiamo venire a Te con le nostre vite mature e fruttuose….
    Ti consegniamo i pensieri dei nostri cuori e tutte le nostre intenzioni.

    Rispondi
  2. sr Alida

    Santità :cammino dell’umanità… Secondo il vangelo :divenire figli di Dio, uomini e donne riconciliati con sé stessi, con gli altri, con il mondo, con Dio.. Non è essere perfetti, accogliere le nostre fragilita e indirizzare al cuore di Dio. Nel cammino delle Beatitudini.. Santi del quotidiano.. Viventi per Dio.. Prego con voi per tutta la gente che soffre.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.