computer e smartphone

di | 2 Aprile 2020

Incredibile, oggi ho ordinato sementi, piantine e materiale vario per l’orto via on-line, perché non posso andare in negozio. Domani mi arrivano. Amo girare per i vivai e guardare le piante, i fiori e scegliere con cura, ma per necessità si fa anche questo. Diciamo che è stato un avvicinamento lento ma costante, dal rifiuto fino a dover ammettere che non ho mai amato il computer e il cellulare come in questi giorni. Radio parrocchiale, lettura dei giornali, informazioni, messaggi, ordini on-line, video conferenze. Ormai posso farle con skype, zoom, whatshapp, meet hangout… rischio di diventare dipendente? Non credo, ma se ci pensiamo in questo periodo sono l’ancora di salvezza per la famiglia, per la scuola, per il lavoro, per le parrocchie, per un minimo di relazione. Adesso capisco quando don Roberto lodava il computer e diceva che lo accompagnava durante tutta la sua malattia. Fino ad un po’ di anni fa questi strumenti li guardavo con sospetto. Soprattutto ero preoccupato di capire come potevano finire le nostre relazioni umane. Non compravo e non compro con amazon per dei motivi Etici legati al mondo del lavoro. Ma poi mi dico che è tutto il mondo del lavoro che va cambiato per essere veramente etico. So che l’argomento ci porterebbe lontano e dentro i meandri di ragionamenti complessi. So benissimo che questi strumenti sono l’origine dello sfruttamento di tante zone dell’Africa e del mondo. So benissimo che possono essere usati per fini non propriamente buoni. So anche se sono così potenti questi social che possono cambiare le sorti del mondo. Il problema non è lo strumento ma l’eticità del lavoro, dell’economia. Per esempio avevo trovato un cellulare “etico” che cercava di non sfruttare nessuno, ma che complicazioni per averlo e usarlo. Ho proprio rinunciato. Scrive Bill Gates fondatore della microsoft e uno degli uomini più ricchi del mondo. “Cos’è più importante, la connettività mondiale o il vaccino per la malaria? Amo ancora le vicende IT, ma se vogliamo migliorare le nostre vite dobbiamo occuparci di questioni ben più elementari come la sopravvivenza dei bambini e le risorse alimentari.” so che devo prendere con le pinze queste parole, so che vengono da uno che ha fatto la sua ricchezza proprio con pc e cellulari, so che magari non sono sincere. Però le prendo per dire che se unissimo eticità dell’economia, giustizia verso i poveri, e uso sensato di tecnologia, pc e cellulari, certo un passo verso il nuovo mondo lo potremmo fare. quindi amo il mio pc e il mio cellulare, spero di usarlo con coscienza.

6 pensieri su “computer e smartphone

  1. Cristina

    Grazie al tuo computer, don, possiamo leggere i commenti alla Parola e queste pillole di riflessioni…per cui grazie!

    Rispondi
  2. Elena

    Io non amo pc e cellulari, li uso per necessità , per comunicare con le persone che non posso incontrare. Uso esageratamente il pc e whatsapp in queste settimane, per insegnare e fare arrivare un sorriso anche attraverso uno schermo…. Ma a volte sento che mi prosciugano… Li uso, ma non li amo. Sono ormai necessari… Con i miei parenti in Sardegna ci dicevamo, ieri sera, che fortunatamente abbiamo Skype, le videochiamate, le videonferenze, il telefono…. Come facevamo una volta???Come avremmo fatto altrimenti?
    Beh, la necessità aguzza l’ingegno, no???
    Ma nessuna di queste cose mi restituisce il piacere ed il calore di un abbraccio, di una carezza, di uno sguardo occhi negli occhi, Nessuno strumento tecnologico mi restituisce la bellezza e l’intensità delle emozioni e del profumo delle persone che abbraccio, che incontro. E la sensazione che solo l’essere fisicamente prossimi mi riempia di gioia, fa di me, sicuramente, un animale sociale, socievole. Nessuna lettera in word resta a lungo in un cassetto che puoi aprire per leggere proprio quella lettera di carta, penna e cuore che conservi per anni perchè è lì, non scappa via come ciò che si scrive al pc o al cellulare… Perchè l’hai attesa, desiderata o ti è arrivata a sorpresa e contiene ogni emozione viva del mittente. E’ preziosa…. Come la musica delle parole che ascolti.
    Non demonizzo…. continuo a non amare, ad utilizzare per necessità, ma in verità ho bisogno di spazi reali e non virtuali, benchè riconosca l’efficienza, l’efficacia e l’utilità delle moderne tecnologie che uso.
    Voglio rimanere me stessa. So che appena tutto questo sarà finito (e in sicurezza) tornerò ad effondere e ad esprimere il mio essere me stessa pienamente, forse riossigenata dopo tanta lontananza, ma non attraverso pc e smartphone. Dimenticherò volentieri il cellulare a casa, e i mei figli mi daranno della svampita, il pc resterà chiuso per settimane. Voglio incontrare ed abbracciare i miei figli, i miei bambini a scuola, vorrei vedere e sentire il mare vero, con i suoi suoni e i suoi profumi, e la sua vita dentro e fuori, e camminare nel bosco dove riincontro il mio papà nelle cose che mi ha insegnato da piccola. Voglio andare a fare la spesa in negozio e chiedere alla cassiera come va la giornata e salutare le persone che incontro. Voglio sorridere e ricevere il sorriso, con tutti i sensi. Riabbracciare forte gli amici e trasmettere e ricevere quell’energia bella che ci si passa vicendevolmente perchè ci si vuole bene.Perchè questo, nessuno strumento me lo può dare. E tornare ad avere la casa “porto di mare”, perchè il piacere di una tavola sempre pronta, con poco, ma per chiunque, fa di me quella che sono…. un essere umano vivo, spesso non proprio dentro gli schemi. Sono grata e riconosco, ma non amo e non voglio appartenere ad un mondo asettico e virtuale. Come tutti quanti, voglio tornare pian piano a vivere, con qualche strumento e capacità in più, ma soprattutto con un’umanità resa più sensibile e forte, più etica e rispettosa di chi guarda, parla, chiede, esprime….DAL VERO…

    Rispondi
  3. sr rita

    La verità di ogni relazione mi pare passi attraverso l’amore. Per questo, in questi giorni, ma anche nei tempo “ordinario”, ringrazio Dio e chi entra in relazione con me, con qualsiasi mezzo, con amore.

    Rispondi
  4. sr Alida

    Ogni cosa va usata a modo ,in questo tempo è utile comunicare con pc e cell. sta noi farne un uso saggio….

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.