venerdì 30 ottobre

di | 29 Ottobre 2015

home2Amos 5,14-20            

14 Cercate il bene e non il male, se volete vivere, e così il Signore, Dio degli eserciti, sia con voi, come voi dite. 15 Odiate il male e amate il bene e ristabilite nei tribunali il diritto; forse il Signore, Dio degli eserciti, avrà pietà del resto di Giuseppe. 16 Perciò così dice il Signore, Dio degli eserciti, il Signore: In tutte le piazze vi sarà lamento, in tutte le strade si dirà: Ah! ah! Si chiamerà l’agricoltore a fare il lutto e a fare il lamento quelli che conoscono la nenia. 17 In tutte le vigne vi sarà lamento, perché io passerò in mezzo a te, dice il Signore. 18 Guai a coloro che attendono il giorno del Signore! Che sarà per voi il giorno del Signore? Sarà tenebre e non luce. 19 Come quando uno fugge davanti al leone e s’imbatte in un orso; entra in casa, appoggia la mano sul muro e un serpente lo morde. 20 Non sarà forse tenebra e non luce il giorno del Signore, e oscurità senza splendore alcuno?

Commento

Ieri era cercare il Signore oggi è cercare il bene. In una società che pratica quotidianamente l’ingiustizia il profeta chiede di cercare il bene che è la giustizia verso il povero. In questo periodo sto assistendo ad una serie di discussioni tra loro diametralmente opposte. In alcune occasioni mi ritrovo a parlare di poveri come persone da accogliere e di una giustizia che non colpevolizza, ma offre la possibilità di una rinascita. In altre occasioni devo constatare con amarezza che è facile gridare, ovviamente per gli altri e mai per se stessi, invocando una giustizia dura che fa pagare oltre ogni misura e che fa fatica ad accogliere il povero. Cercate il bene, questo fa il credente. A questo educa un genitore credente, un prete, un insegnante. Un credente in genere cerca il Signore, ma questa ricerca di Dio è strettamente legata alla ricerca del bene. Più ancora, chi cerca il bene cerca Dio. chi opera il bene vive in Dio. e, viceversa chi cerca Dio non può non operare il bene. Il testo ci parla anche del giorno del Signore. Avevamo già trovato questo termine in Gioele. Qui mi sembra che è collegato a questa ricerca del bene, contro ogni male. Il giorno del Signore è l’opera più grande che Dio può fare. Tale opera è la carità. Cercare Dio, cercare il bene vuol dire fa arrivare il giorno del Signore, cioè vuol dire far crescere nel tempo e negli spazi del quotidiano  la carità.

Preghiamo

Preghiamo per un famiglia che ha chiesto una preghiera, soprattutto per i figli.

Dal Vangelo secondo Luca

Un sabato Gesù si recò a casa di uno dei capi dei farisei per pranzare ed essi stavano a osservarlo. Ed ecco, davanti a lui vi era un uomo malato di idropisìa.  Rivolgendosi ai dottori della Legge e ai farisei, Gesù disse: «È lecito o no guarire di sabato?». Ma essi tacquero. Egli lo prese per mano, lo guarì e lo congedò.  Poi disse loro: «Chi di voi, se un figlio o un bue gli cade nel pozzo, non lo tirerà fuori subito in giorno di sabato?». E non potevano rispondere nulla a queste parole.

4 pensieri su “venerdì 30 ottobre

  1. sr Rita

    La condizione per vivere è cercare il bene e non il male. Se tutti avessimo questa consapevolezza, il mondo, il creato, le relazioni sarebbero davvero una bella realtà che mette gioia. che fa crescere vita. Vita e bene dovrebbero essere sinonimi. La fatica e la gioia di cercare il bene è un itinerario importante per la vita personale e comunitaria. Chiediamo al Signore di farci nascere in cuore il gusto del bene, la volontà di cercarlo e di farlo conoscere anche a chi vive con noi. Diventiamo moltiplicatori del bene.

    Rispondi
  2. Ingrid

    La ricerca del bene , del giusto , della vita..un movimento continuo , non si e’ mai arrivati…
    e in questo mondo cosa e’ giusto, cosa e’ corretto? quello che e’ per me bene , l’altro come lo interpreta? il mio bene, e’ il bene anche per il mio prossimo???
    Signore tu sei la via maestra , dacci coraggio di non mollare mai il cammino verso la tua ricerca, dacci coraggio di ascoltare la tua parola , di meditarla e spt di ascoltare la tua voce che e’ dentro di noi…La perseveranza, la pazienza ,la costanza sono delle mie vecchie amiche , rinnovale Gesu’ e aiutaci nel dono del discernimento..
    Un buon rientro in Brasile a Sr Anna, un abbraccio a tutti e una preghiera in particolare per la mamma di un amico , che ha scoperto di avere un male poco curabile..
    Ingrid

    Rispondi
  3. Elena

    Cercare il bene e cercare Dio sono la stessa realtà di ricerca, ma in realtà non è sempre così, C’è ancora tanta ipocrisia… Eppure Dio è il bene e il bene è nella manifestazione di Dio. Perchè è così difficile per noi riempirci la vita di uno e dell’altro, o, in sostanza, della stessa cosa? Appartenere al Signore, cioè esserne parte, profondamente, non è forse anche vivere della sua stessa natura buona? Allora, cercare il bene, il buono, il bello per tutti ed in ogni momento, non è forse cercare Dio ogni giorno? Perchè siamo ancora così chiusi e centrati su noi stessi e sui nostri bisogni e sulle nostre piccole soddisfazioni? Perchè fatichiamo tanto a sollevare lo sguardo verso un orizzonte più ampio e luminoso?
    E’ come se tanta grandezza e tanto splendore e tanto amore ci facessero paura…
    Signore, ci fai paura?!?
    Mi unisco alle vostre preghiere e alle vostre intenzioni, con la preghiera per tutti i genitori che vivono momenti di confusione…
    Un sorriso, Elena

    Rispondi
  4. sr.Alida

    Cercate il bene ….già questo versetto ,fa respirare .Grazie per i commenti di oggi ,mi trovo piu’ in sintonia ..con quello di sr.Rita. Ricordo il ritorno di sr. Anna in Brasile,e mi unisco alle intenzioni di oggi.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.