venerdì 24 maggio

di | 23 Maggio 2019

Salmo 57

Titolo DESTARE IO VOGLIO L’AURORA

«Tra voi dicono alcuni: “La gioia è più grande del dolore”; e dicono altri: “il dolore è più grande”. Ma io vi dico che sono cose inseparabili. Essi giungono insieme, e se l’una vi siede accanto alla mensa, ricordatevi che l’altro sul vostro letto dorme» (Kh. Gibran, in Il Profeta).
1 Al maestro del coro. Su «Non distruggere». Di Davide. Miktam.
Quando fuggì da Saul nella caverna.

2 Pietà di me, pietà di me, o Dio,
in te si rifugia l’anima mia;
all’ombra delle tue ali mi rifugio
finché l’insidia sia passata.

3 Invocherò Dio, l’Altissimo,
Dio che fa tutto per me.

4 Mandi dal cielo a salvarmi,
confonda chi vuole inghiottirmi;
Dio mandi il suo amore e la sua fedeltà.

5 In mezzo a leoni devo coricarmi,
infiammàti di rabbia contro gli uomini!
I loro denti sono lance e frecce,
la loro lingua è spada affilata.

6 Innàlzati sopra il cielo, o Dio,
su tutta la terra la tua gloria.

7 Hanno teso una rete ai miei piedi,
hanno piegato il mio collo,
hanno scavato davanti a me una fossa,
ma dentro vi sono caduti.

8 Saldo è il mio cuore, o Dio,
saldo è il mio cuore.

Voglio cantare, voglio inneggiare:
9 svégliati, mio cuore,
svegliatevi, arpa e cetra,
voglio svegliare l’aurora.

10 Ti loderò fra i popoli, Signore,
a te canterò inni fra le nazioni:

11 grande fino ai cieli è il tuo amore
e fino alle nubi la tua fedeltà.

12 Innàlzati sopra il cielo, o Dio,
su tutta la terra la tua gloria.

Commento

Salmo di supplica che non ignora il ringraziamento. I due elementi non sono mai separati nella preghiera biblica, sono come un ritornello, un mantra, una nota che continuamente ritorna. Questo modo di procedere, o meglio, di pregare, evita un atteggiamento che non è della sacra scrittura: la disperazione. Si può lanciare a Dio il grido sofferenza, ma non si cade mai nel non senso, nel vuoto. In qualche modo si apre sempre uno spazio di speranza. Il male è raffigurato dal leone che circonda l’uomo sofferente. Dio, però, appare dal cielo e invia i suoi messaggeri di salvezza, le virtù divine personificate della Fedeltà e dell’amore. Ed allora per il perseguitato si apre una nuova aurora. Nel salmo vi è come un appello rivolto all’arpa e alla cetra, che durante i periodi di lutto erano raffigurate quasi «in sonno». Finito l’incubo, cessata la notte, esse «si svegliano» per destare, a loro volta, l’alba di un nuovo giorno di luce e di pace.

Preghiamo

Preghiamo per Isacco

3 pensieri su “venerdì 24 maggio

  1. sr Alida

    Invocherò Dio l’Altissimo…che mi fa il bene mandi il suo amore e la sua fedeltà….un grido che non è vuoto ,porta con se la speranza ,di un nuovo giorno ….Quando si crede nell’amore e nella fedeltà di Dio …la speranza è sempre di casa …anche se qualcuno attende molto per un nuovo giorno ..Signore riempi della Tua presenza le attese di quelle persone che più soffrono ….nelle famiglie ,nel mondo …

    Rispondi
  2. Elena

    Ieri sera abbiamo fatto adorazione col gruppo dei Circoli di resistenza con cui si legge e medita, si condivide parte del cammino del nostro essere alla ricerca. La parola su cui era centrata l’adorazione era FEDELTÀ. Ci riconosciamo poco fedeli, difficilmente fedeli, fragili ed in fatica sempre. Per contro, riconosciamo la fedeltà di Dio, una presenza assidua, continua, che non lascia l’uomo nel vuoto, nel buio, nella disperazione.
    Prego perché non si smetta mai di credere che Lui c’è, accompagna l’uomo nelle vicende della vita, si china e ci tiene per mano, o in braccio, o semplicemente ci cammina al fianco, tiene accesa una luce nella notte. Prego perché possiamo rimanere nell’amore che ci ha insegnato e che ci rende persone nuove, persone migliori.
    Ricordo Isacco, e la mia mamma nell’anniversario del suo ultimo viaggio.

    Rispondi
  3. sr rita

    Questa sera noi suore di Paranaguà assieme ai membri della fraternità Luis Palazzolo rinnoveremo i Voti e la Promessa di vivere la nostra vocazione secondo il carisma dei nostri Fondatori.. Che ci sia data una fedeltà allegra e generosa in mezzo ai fratelli poveri cui la nostra missione ci ha inviato.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.