umano è piccolo resto

di | 26 Agosto 2020
Questa che vedete nella foto è la cassetta con il resto, il piccolo resto delle prugne rimaste sulle piante di Rosciano. Si, sono passati la seconda volta. Non voglio tornare sull’arrabbiatura e nemmeno sul rispetto. Voglio invece fare un’altra considerazione che ha come scopo quella di mostrare l’utilità del piccolo resto. Da poche prugne raccolte, si può ripartire per ricominciare, per ricostruire? E come si può ricostruire? Essere umani, rendere umana la vita non ha forse questo sapore di piccolo resto, di ripartenza? Nella bibbia il piccolo resto è una delle componenti fondamentali della storia di Israele. Sentite cosa dice il profeta Isaia al riguardo: 20 In quel giorno il resto di  Israele e i superstiti della casa di Giacobbe non si appoggeranno più su chi li ha percossi, ma si appoggeranno sul Signore, sul Santo di Israele, con lealtà. 21 Tornerà il resto, il resto di Giacobbe, al Dio forte. 22 Poiché anche se il tuo popolo, o Israele, fosse come la sabbia del mare, solo un suo resto ritornerà; nella bibbia si parla di questo piccolo resto che dopo ogni tragedia ritornerà e ricostruirà. Ma ritornerà e ricostruirà nel nome di Dio. Le mie prugne sono sparite. Il popolo di Israele è piccolo resto, la chiesa si svuota di anno in anno e questo tempo del covid ha contribuito a questo svuotamento. Il mondo è piccolo resto che arranca con fatica. C’è chi dice che il peggio deve ancora venire; altri, più ottimisti, sostengono che il mondo e la chiesa ne hanno passate tante che anche questa volta, da un “piccolo resto”, rinascerà la speranza. Più volte il popolo di Dio viene messo alla prova da un disastro collettivo: il diluvio, la distruzione assira del Regno del Nord, la deportazione a Babilonia… Ma ogni volta, per quanto grande e traumatica sia la catastrofe, rimane qualche sopravvissuto. E dallo sparuto residuo di superstiti può sorgere la speranza: l’alleanza con Dio viene rinnovata, una comunità santa rifiorisce. Mi domando se il piccolo resto nel mondo, nella chiesa è pronto a mantenere viva la speranza. Mi domando se ogni giorno, io piccolo resto, riesco a riprendere con coraggio, fede e speranza il mio cammino. E qui non è questione di prugne rubate, ma di sapere che un piccolo resto di amici è sempre capace di generare cambiamento. questa non sarà la mia rivincita, ma la mia nuova impresa: rendere umano il mondo partendo da un po’ di prugne, qualche albero rotto, poche risorse e tanto coraggio. Si, l’umanità ha bisogno di un piccolo resto che si carica sulle spalle il futuro. rendere umana la vita e il mondo è star dentro un piccolo resto. E niente di più.    

3 pensieri su “umano è piccolo resto

  1. Anonimo

    … certo che se ognuno di noi ti portasse anche un solo chilo di prugne … Non potrai poi rifiutarci una bella merenda con una fetta di torta ovviamente alla marmellata di prugne! … Resistere, resistere, resistere!

    Rispondi
  2. sr Alida

    E’ bella e ardua questa riflessione del piccolo resto ,è il nostro posto ,questo piccolo resto ,ciò che basta per ricominciare sempre il cammino .Grazie !

    Rispondi
  3. Anonimo

    Desidero essere piccolo resto perché fortemente convinta che il futuro di deve fondare sulla pace, la gioia e l’amore che ciascuno di noi riuscirà a coltivare in ogni oggi ed allora non temere o più nessun “furto” perché ci sono cose di cui nessuno ci può depredare fortunatamente, le uniche su cui vigilare e per cui chiedo aiuto al Signore. W il piccolo resto che riesce ad andare avanti con tutta la forza ed il coraggio che possiede, quale dono Suo.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.