sabato 5 maggio

di | 4 Maggio 2018

profeta geremia icona Ger 31,31-34

31 «Ecco verranno giorni – dice il Signore – nei quali con la casa di Israele e con la casa di Giuda io concluderò una alleanza nuova. 32 Non come l’alleanza che ho conclusa con i loro padri, quando li presi per mano per farli uscire dal paese d’Egitto, una alleanza che essi hanno violato, benché io fossi loro Signore. Parola del Signore. 33 Questa sarà l’alleanza che io concluderò con la casa di Israele dopo quei giorni, dice il Signore: Porrò la mia legge nel loro animo, la scriverò sul loro cuore. Allora io sarò il loro Dio ed essi il mio popolo. 34  Non dovranno più istruirsi gli uni gli altri, dicendo: Riconoscete il Signore, perché tutti mi conosceranno, dal più piccolo al più grande, dice il Signore; poiché io perdonerò la loro iniquità e non mi ricorderò più del loro peccato».

Commento

Ed eccolo il cuore del capitolo 31. Forse il cuore di tutto il testo di Geremia. Parole probabilmente ben conosciute. Il  cuore di tutto è questa alleanza nuova. Vediamo in che cosa consiste questa alleanza nuova. Come prima cosa è nuova perché non è come quella che i padri hanno violato. Sappiamo bene come questo patto di alleanza sta alla base della storia di Israele. Un patto tra Dio e il suo popolo. Un patto custodito nella legge di Mosè. Questa nuova alleanza è nuova perché riprende il senso originario del patto tra Dio e il suo popolo, un patto di comunione e fedeltà. Si ritorna lì, a quel punto della storia che Israele aveva smarrito. Non sarà più una legge a custodire l’alleanza, ma il cuore stesso dell’uomo, perché questa alleanza nuova sarà scritta sul cuore dell’uomo. Questo significa che il cuore dell’uomo è il tempio sacro che custodisce la parola e la presenza del Signore. Questa legge è segnata dal perdono e dal fatto che Dio non ricorderà più il peccato dell’uomo. Anche questa di un alleanza segnata dal perdono è una novità assoluta. Non ci sono i no, i comandi, gli ordini, ma un atto di amore e di perdono; ecco perché non ci sarà bisogno di insegnarla questa legge, perchè tutti la potranno vedere e sperimentare questa alleanza nell’amore di Dio per ama l’uomo.

Preghiamo

Preghiamo per Nicola

3 pensieri su “sabato 5 maggio

  1. sr Rita

    “Porrò la mia legge nel loro animo, la scriverò sul loro cuore. Allora io sarò il loro Dio ed essi il mio popolo. ”
    Non ci sono parole per commentare questa promessa di Dio al suo popolo ed oggi a ciascuno di noi. Solo chiedo a Dio che rinnovi in noi tutti la fiducia sufficiente per accogliere questa promessa e gioirne.

    Rispondi
  2. . Elena

    Un’alleanza scritta nel cuore, resta come atto d’amore, come qualcosa che è in noi sempre, per sempre, non una cosa esterna o formale, ma una cosa sentita e sperimentata da ciascuno. Rendici capaci di.un cuore grande, per accogliere, custodire, nutrire questo amore che ci lega a Te per sempre. Preghiamo secondo le intenzioni custodite nel cuore di ciascuno.

    Rispondi
  3. srAlida

    Credo non ci sia niente di più bello di questa Alleanza di Dio con noi,scritta nel cuore…..
    Chiedo che ne abbiamo tutti un pò più di consapevolezza per custodirla ,viverla ,donarla ,nel ricordo per Nicola e per le intenzioni di ciascuno una preghiera

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.