sabato 4 maggio

di | 3 Maggio 2019

la lettrice Salmo 42

Titolo SALIRÒ ALL’ALTARE DI DIO

Varcare la soglia del tempio, Signore, non è già un entrare nell’eterno? Cercare di vivere la tua Shekinah, non è anche per noi rischiare l’esperienza del rovo in fiamme? Dio della mia allegria, fai della stessa mia vita il tuo rogo che arde e non si consuma.

Lamento e nostalgia dell’esule

1 Fammi giustizia, o Dio,
difendi la mia causa contro gente spietata;
liberami dall’uomo perfido e perverso.

2 Tu sei il Dio della mia difesa:
perché mi respingi?
Perché triste me ne vado,
oppresso dal nemico?

3 Manda la tua luce e la tua verità:
siano esse a guidarmi,
mi conducano alla tua santa montagna,
alla tua dimora.

4 Verrò all’altare di Dio,
a Dio, mia gioiosa esultanza.
A te canterò sulla cetra,
Dio, Dio mio.

5 Perché ti rattristi, anima mia,
perché ti agiti in me?
Spera in Dio: ancora potrò lodarlo,
lui, salvezza del mio volto e mio Dio.

Commento

Per qualcuno questa è l’altra parte del salmo visto ieri. Per qualcuno altro invece è un salmo nuovo. Le interpretazioni sono sempre molte e diverse. E gli studiosi della bibbia ci dedicano tempo e fatica per studiare questi testi. E io li ringrazio perché provo ad imparare. Poi io non sono un esegeta e quindi in queste 10 righe di commento metto quello che cuore e mente mi suggeriscono, anche se è importante studiare i testi. comunque al di là delle singole interpretazioni, noi abbiamo a che fare ancora con il nostro levita del tempio che è relegato nell’alta Galilea e attende con fiducia l’intervento di Dio che invierà i suoi due messaggeri, la Verità e la Luce. Essi prenderanno per mano l’orante esiliato e lo condurranno verso Sion, verso l’altare di Dio dove il fedele riprenderà il suo servizio liturgico nel canto e nella danza. In crescendo, risuona per l’ultima volta l’antifona che già era stata cantata due volte nel Salmo 42 e che dice: perché ti rattristi anima mia:  ora le sue parole stanno per attuarsi perché  Dio, dopo la prova, si sta per mostrare come «salvezza del volto», cioè come gioia e come luce.

Preghiamo

Diverse sono le intenzioni di oggi: per Viola e Nicola, per Diego e Patrizia, per Marco

3 pensieri su “sabato 4 maggio

  1. sr rita

    Manda la tua luce e la tua verità:
    siano esse a guidarmi,
    mi conducano alla tua santa montagna,
    alla tua dimora.
    Questa bellissima preghiera riempie di speranza l’attesa di molte persone. Per chi non la conosce o non la sa recitare, oggi la preghiamo.

    Rispondi
  2. Elena

    Perché ti rattristi anima mia? Perché ti agiti in me? Spera nel Signore, Dio della luce e della verità, Dio dell’amore e della misericordia, Dio della bellezza e delle cose fatte bene…. Posso ancora incontrarti, Signore!
    Con questo desiderio e con questa speranza voglio iniziare questo nuovo giorno. E prego con voi per Viola e Nicola, per Diego e Patrizia che abbraccio forte, per Marco e per chi ha paura di sperare.

    Rispondi
  3. sr Alida

    Manda la tua verità e la tua luce ,mi conducano alla tua santa dimora ….nelle relazioni negli avvenimenti ….Mi unisco alla preghiera per Viola e Nicola ,per Diego e Patrizia,per Marco .Per chi è in difficoltà e non si ricorda della forza che può dare il Signore ,per quanti chiedono la nostra preghiera .

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.