sabato 26 dicembre

di | 25 Dicembre 2015

avvento bosesanto Stefano

Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù disse ai suoi apostoli:  «Guardatevi dagli uomini, perché vi consegneranno ai tribunali e vi flagelleranno nelle loro sinagoghe; e sarete condotti davanti a governatori e re per causa mia, per dare testimonianza a loro e ai pagani.  Ma, quando vi consegneranno, non preoccupatevi di come o di che cosa direte, perché vi sarà dato in quell’ora ciò che dovrete dire: infatti non siete voi a parlare, ma è lo Spirito del Padre vostro che parla in voi. Il fratello farà morire il fratello e il padre il figlio, e i figli si alzeranno ad accusare i genitori e li uccideranno. Sarete odiati da tutti a causa del mio nome. Ma chi avrà  perseverato fino alla fine sarà salvato».

Commento

Come prima cosa: sono in partenza per la Bolivia. Oggi alle 18,00 volo da Malpensa. Vado alla ciudad de los ninos, la casa del patronato e poi a Villoco da Don Antonio Callioni. Non so se riuscirò a scrivere tutti i giorni; pensavo anche solo di riuscire ad inviare dei semplici appunti di Viaggio. Vediamo cosa riesco a combinare…. Oggi è Santo Stefano primo martire. La chiesa in un certo senso viene a rovinarci il clima di natale con un martire. E lo fa per  ricordarci che accogliere Dio nella sua piccolezza richiede dolore e sofferenza, fatica e conversione. Quel bambino non suscita solo sentimenti di tenerezza ma anche di preoccupazione, inutile negarlo. Sconcerta un Dio innocuo, fragile, consegnato alla nostra indifferenza, sconcerta un giovane, come Stefano, che decide di imitare Gesù fino a dare la vita per lui. Sconcerta perchè fin dall’inizio, fin dalla sua nascita, Gesù è esigente con i suoi amici. Sconcerta perché il natale non è solo un buon riposo sereno, ma una storia di coraggio e dedizione.

Preghiamo

Preghiamo per tutti i cristiani e tutti gli uomini che ancora oggi sono perseguitati.

3 pensieri su “sabato 26 dicembre

  1. sr Rita

    Il martirio di Stefano dentro il mistero di tenerezza del Natale dice la concretezza e le conseguenze dell’amore. Martirio=testimonianza. La vita di ogni giorno è un martirio, una testimonianza di quell’amore che riceviamo e doniamo. Auguro a Don Sandro di testimoniare anche in questo viaggio missi0oanrio il Signore della tenerezza e della misericordia. Ti accompagno con la preghiera. E preghiamo perché ognuno di noi viva il suo martirio=testimonianza con consapevole amore.

    Rispondi
  2. Elena

    Sere fa ero alle Sagrestie di Alzano e visitavo le opere del Fantoni. È tutta una storia di martiri, quella della sagrestia ,opera lignea di un grande scultore e artista. È sconvolgente scoprire con quanta crudeltà l’uomo nega il diritto alla fede di un altro uomo. I martiri di oggi sono molti e le vicende di cronaca non sono per niente rassicuranti. La testimonianza, fino alla fine… “Signore perdona loro perché non sanno quello fanno”… La luce e la dolcezza del Natale non riescono a coprire le responsabilità del nostro negare Dio, ancora e ancora… in ogni modo più o meno crudo. Perdona Signore la nostra vigliaccheria nel non riuscire a darti testimonianza, nel non riuscire a metterti nella giusta luce affinché altri ti scoprano e ti vedano nelle nostre vite.
    Sandro, ti accompagnamo con la preghiera, perché anche i tuoi viaggi in terra di Bolivia, sono testimonianza di un credere a qualcosa che sta ” oltre”. Porta il nostro affetto e la nostra passione per ciò che è bello e giusto, anche così, a distanza. E che il tuo sia un altro viaggio di luce! Un saluto a tutti, a la Ciudad e a Villoco. Buon cammino!
    Elena

    Rispondi
  3. sr.Alida

    Accogliere Dio nella piccolezza richiede sofferenza ,fatica ,conversione.Natale storia di coraggio e di dedizione.Dentro il mistero del Natale c’è il martirio quotidiano =testimonianza.Non siete voi a parlare ,ma parla in voi lo spirito del Padre.Se solo penso a questi vostri pensieri ,mi ritrovo piccola e meschina,perchè non ho coraggio e poca fede.se poi penso a Stefano e ai martiri di ieri e di oggi ,a un Bambino ,che già soffre alla nascita…..Nel quotidiano ,però posso sempre testimoniare amore ,nei piccoli gesti ripetuti ,concreti..questa è la mia opportunità che supplisce la paura…L’amore si nutre di piccoli e continui sacrifici. ..Allarga gli orizzonti del mio cuore ..Signore! Auguri per il tuo viaggio Don Sandro ti ricordo con gratitudine e prego .

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.