sabato 23 marzo

di | 22 Marzo 2019

la lettrice salmo 19 – Titolo NARRANO I CIELI

 sottotitolo

Ora sappiamo perché tante stelle
e sappiamo perché tanti fiori:
siamo noi la coscienza del loro splendere,
noi la coscienza del loro fiorire;
ed è la tua legge la fonte di ogni esistere,
la ragione del nostro pensare ed agire.

1 Al maestro del coro. Salmo. Di Davide.

2 I cieli narrano la gloria di Dio,
l’opera delle sue mani annuncia il firmamento.

3 Il giorno al giorno ne affida il racconto
e la notte alla notte ne trasmette notizia.

4 Senza linguaggio, senza parole,
senza che si oda la loro voce,

5 per tutta la terra si diffonde il loro annuncio
e ai confini del mondo il loro messaggio.
Là pose una tenda per il sole
6 che esce come sposo dalla stanza nuziale:
esulta come un prode che percorre la via.

7 Sorge da un estremo del cielo
e la sua orbita raggiunge l’altro estremo:
nulla si sottrae al suo calore.

8 La legge del Signore è perfetta,
rinfranca l’anima;
la testimonianza del Signore è stabile,
rende saggio il semplice.

9 I precetti del Signore sono retti,
fanno gioire il cuore;
il comando del Signore è limpido,
illumina gli occhi.

10 Il timore del Signore è puro, 
rimane per sempre;
i giudizi del Signore sono fedeli,
sono tutti giusti,

11 più preziosi dell’oro, 
di molto oro fino,
più dolci del miele 
e di un favo stillante.

12 Anche il tuo servo ne è illuminato,
per chi li osserva è grande il profitto.

13 Le inavvertenze, chi le discerne?
Assolvimi dai peccati nascosti.

14 Anche dall’orgoglio salva il tuo servo
perché su di me non abbia potere;
allora sarò irreprensibile,
sarò puro da grave peccato.

15 Ti siano gradite le parole della mia bocca;
davanti a te i pensieri del mio cuore,
Signore, mia roccia e mio redentore.

Commento

Questo meraviglioso salmo stabilisce una stretta connessione tra la bellezza del creato e la legge ebraica, la parola di Dio. Al centro della creazione c’è il sole, di cui si dice, che tutta la creazione ne è illuminata e che “nulla si sottrae al suo calore”, perchè il sole percorre tutto il firmamento da un estremo del cielo all’altro estremo. Mi sembra sia quello che bisogna poi dire della Parola. Ne esce una relazione più articolata e più ricca: come tutto il creato è illuminato dal sole, così tutta l’esistenza umana è illuminata dalla Parola. Si dice quindi lo splendore del creato illuminato dal sole, e lo splendore della vita umana illuminata dalla Parola. Si celebra così l’incontro tra il sole della Parola e la storia dell’uomo. La Torah, la legge di Dio, è la parola pura, radiosa ed eterna di JHWH. Chi la accoglie con gioia è come se gustasse un miele dal gusto irraggiungibile, è come se avesse un tesoro ineguagliabile. Il salmo esalta la grandezza della creazione e più ancora la grandezza e la bellezza della parola di Dio che i cristiani sono chiamati ad amare.

Preghiamo

Preghiamo per Flavia e Franceco

 

3 pensieri su “sabato 23 marzo

  1. sr rita

    ..siamo noi la coscienza del loro splendere,
    noi la coscienza del loro fiorire;
    Davvero belle queste parole. Ci aiutano a prendere coscienza della nostra vocazione di uomini:
    diventare coscienza della bellezza e della generatività della vita. Infatti come è bello lasciarsi toccare dalla bellezza…accompagnare un processo di maturazione personale…come un fiore che sboccia lentamente e con grande bellezza.
    Preghiamo perché ci sia dato vedere, prendere coscienza e diventare generatori di bellezza.

    Rispondi
  2. sr Alida

    Ora sappiamo perchè tante stelle perchè tanti fiori …siamo noi la coscienza del loro esistere…la ragione del nostro pensare ed agire.. è uno di quei salmi in cui quasi tutte le righe risuonano volentieri nel cuore …..davanti a lui i pensieri … il sole che esce …nulla si sottrae al suo calore ….è impossibile non lodare il Signore ,non avvertirne la Sua luce,non sentirsi tanto piccoli e amati
    da chiedere di essere assolti ….Donaci tanta consapevolezza del Tuo amore ,Signore ,avvolgi dalla Tua forza ….sopratutto a chi ha più bisogno di Te …Una preghiera per Monica e famiglia , situazione difficile e con persone di salute precaria …per il piccolo Ales .operato alla testa,.Silvana e Gianpietro,per Flavia e Francesco…

    Rispondi
  3. Elena

    Lascio risuonare nel cuore ogni parola di questo salmo, gusto nel silenzio l’intima relazione di bellezza tra Dio e l’uomo. Che possiamo essere risonanza, nell’universo intero del nostro essere umani, di questa bellezza e di questo amore, per poterne espandere la luce e il calore, moltiplicandone gli effetti. Ne abbiamo così bisogno….

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.