domenica 24 marzo

di | 23 Marzo 2019

deserto 3 domenica di quaresima – Dal vangelo secondo Luca

In quel tempo si presentarono alcuni a riferire a Gesù il fatto di quei Galilei, il cui sangue Pilato aveva fatto scorrere insieme a quello dei loro sacrifici. Prendendo la parola, Gesù disse loro: «Credete che quei Galilei fossero più peccatori di tutti i Galilei, per aver subito tale sorte? No, io vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo. O quelle diciotto persone, sulle quali crollò la torre di Sìloe e le uccise, credete che fossero più colpevoli di tutti gli abitanti di Gerusalemme? No, io vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo». Diceva anche questa parabola: «Un tale aveva piantato un albero di fichi nella sua vigna e venne a cercarvi frutti, ma non ne trovò. Allora disse al vignaiolo: “Ecco, sono tre anni che vengo a cercare frutti su quest’albero, ma non ne trovo. Tàglialo dunque! Perché deve sfruttare il terreno?”. Ma quello gli rispose: “Padrone, lascialo ancora quest’anno, finché gli avrò zappato attorno e avrò messo il concime. Vedremo se porterà frutti per l’avvenire; se no, lo taglierai”».

Commento

“Cosa ho fatto di male per meritarmi questo?”. Dio che premia i buoni e castiga i cattivi, fa purtroppo ancora parte di una certa mentalità cristiana. Gesù manda in frantumi l’idea di un Dio “troppo umano”. Egli distrugge l’equazione peccato =castigo, semplicemente perché Dio non può castigare. La verità cui Gesù vuole aprirci, è di non credere che l’umanità sia divisa tra buoni e cattivi, santi e peccatori. Se Dio ci amasse in base alla nostra morale, cesserebbe d’essere Dio, perché l’Amore non si dà per i meriti acquisiti, ma perché non può farne a meno. Dio, essendo solo Amore, non può non amare. Se la quaresima ha un senso, è quello di disintossicarci una falsa immagine di Dio. Occorre convertirci, trasformare la nostra mentalità, smetterla di sbagliarci su Dio.  ‘Convertirsi’, significa non credere ad un Dio terrorista che minaccia morte e condanna chi non cessa di compromettersi col male, ma piuttosto affidarsi ad un Dio-contadino-paziente-fedele che si prende cura del mio ‘campo’ e in me scommette ad oltranza, povero terreno che per quanto incolto e infruttuoso, vuole rimanere aperto a ricevere quel seme nel quale risiede la potenza della vita.

Preghiamo

Preghiamo per Mounir e tutti i profughi che per colpa di una disumanità della legge sembrano non avere un futuro

3 pensieri su “domenica 24 marzo

  1. sr Alida

    Padrone lascialo ancora per …Affidarsi a un Dio contadino paziente ….. un Dio che non può non amarci nonostante noi…. Bello quest’ultimo tratto del tuo commento don Sandro, e mi risuona dentro grazie. Mentre mi unisco alla preghiera per Mounir e per tutti i profughi prego perchè ognuno possa sperimentare la pazienza di Dio e chiedo una preghiera perchè oggi con i cresimandi della nostra parrocchia e della diocesi milanese ci incontriamo con il Vescovo allo stadio di S.Siro ….

    Rispondi
  2. sr rita

    Il comportamento del padrone della pianta di fico mi pare una immagine non bella di Dio. Pretendere i frutti…decidere di sradicarlo…E’ vero che la pianta di fico ha come obiettivo di dare fichi….e non quello di fare ombra o lasciar riposare i passeri. Ma allora si tratta di vivere in continuo discernimento per capire che pianta siamo, quale la nostra identità. Una pianta che può anche non riuscire a dar frutto, ma che non smette di essere se stessa. Mi inquieta un poco questa parabola…

    Rispondi
  3. Elena

    C’è un pero, nel mio giardino. È stato sradicato da un orto e, affinché non si perdesse, è stato piantato da me. Lo scorso anno, pur avendo molti fiori, non ha dato nessun frutto. Oggi è nuovamente in fiore, visitato dalle api, spero di vedere qualche pera. Ho pensato anche io che gli avrei dato un anno o due e poi, forse lo avrei sostituito con qualcosa di più fruttuoso. Però è una bella pianta. Allora, mentre prendo tempo, ne godo la bellezza. Mi fermo a questo e intanto me ne prendo cura. Tempo, pazienza, cura… Il Signore, quante scorte ha di queste cose, per ciascuno di noi? Siamo come alberi e molto di più, penso, per quel Dio che ci ha amati molto prima di chiamarci alla vita e senza volere nulla in cambio.
    Prego per Mounir, per tutti i profughi, per la loro disperazione di fronte alle ingiuste leggi che tagliano le loro vite prima ancora che abbiano potuto vedere la luce…. Prego per tutti gli uomini e le donne, e per i cristiani di buona volontà affinché non restino ciechi, muti e sordi di fronte alla sofferenza di migliaia di persone che chiedono solo una vita più umana.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.