sabato 22 agosto

di | 21 Agosto 2020

At 18,24-28                                                             24 Arrivò a Èfeso un Giudeo, di nome Apollo, nativo di Alessandria, uomo colto, esperto nelle Scritture. 25 Questi era stato istruito nella via del Signore e, con animo ispirato, parlava e insegnava con accuratezza ciò che si riferiva a Gesù, sebbene conoscesse soltanto il battesimo di Giovanni. 26 Egli cominciò a parlare con franchezza nella sinagoga. Priscilla e Aquila lo ascoltarono, poi lo presero con sé e gli esposero con maggiore accuratezza la via di Dio. 27 Poiché egli desiderava passare in Acaia, i fratelli lo incoraggiarono e scrissero ai discepoli di fargli buona accoglienza. Giunto là, fu molto utile a quelli che, per opera della grazia, erano divenuti credenti. 28 Confutava infatti vigorosamente i Giudei, dimostrando pubblicamente attraverso le Scritture che Gesù è il Cristo.

Commento

Mi permetto di proporre una “lettura” di questo breve testo, che non si limiti a considerarlo come un documento storico che, attraverso la vicenda e l’esperienza di questo Apollo, faccia memoria del superamento del “battesimo di Giovanni” e della pienezza di significato e di potenza del “battesimo di Gesù”. Penso infatti che si possa cogliere in questa vicenda anche un dato permanente della pienezza dell’esperienza cristiana in ciascun discepolo del Signore.  Apollo è un giudeo egiziano, “colto, esperto nelle Scritture”. Il termine reso in italiano con “colto” indica in ogni modo un rapporto profondo con la Parola, sia come conoscenza sia come capacità ed efficacia di esposizione. I vv.24-25 sottolineano quindi l’efficacia della sua predicazione come un dato proprio della sua persona, e un ministero esercitato non per incarichi speciali, ma come spontaneamente. Anche questo fatto mi sembra degno della nostra attenzione, e ci fa sperare che possa crescere anche nella nostra Chiesa un’assunzione maggiore di responsabilità della Parola di Dio da parte di tutti i cristiani. Possiamo cercare di cogliere da questa vicenda qualche osservazione che possa essere utile anche per noi oggi. L’annuncio cristiano ha la sua fonte nelle Scritture, cioè in tutta la rivelazione che ci è donata dalle Scritture che noi chiamiamo Antico Testamento. E’ attraverso le Scritture che noi possiamo cogliere la profezia e l’attesa del Signore Gesù Cristo. E questo si può forse considerare l’importanza e il “confine” della predicazione e del battesimo di Giovanni.  Ma la pienezza del dono di Dio è quella espressa dal Battesimo di Gesù e dalla vita nuova “nello Spirito Santo”. Al “riconoscimento” che Gesù è veramente il Cristo, il Messia atteso, il Signore, deve corrispondere il nostro “essere nuovo”, la nostra nuova condizione di “figli di Dio”. Il Battesimo cioè è un’esistenza assolutamente nuova.

Preghiamo

Preghiamo per Silvia

2 pensieri su “sabato 22 agosto

  1. Elena

    Mi è venuta alla mente e nel cuore questa preghiera: Signore, venga il Tuo regno e che noi possiamo conoscerlo e riconoscerlo! Preghiamo per Silvia e per don Sandro.

    Rispondi
  2. sr Alida

    Essere credenti per grazia ,il Battesimo di Gesù è dono completo per conoscerlo ,riconoscerlo ,seguirlo ,,,e in cammino deve corrispondere il nostro “essere nuovo”una bella e nuova esistenza di figli …Per grazia riceviamo tanto con cuore grato lodiamo il Signore chiedendo che questo dono sia per tutti consolazione e speranza …preghiamo per Silvia ,per don Sandro .

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.