sabato 18 maggio

di | 17 Maggio 2019

per oggi vi chiedo solo di ricordare don Roberto che da ieri è in paradiso.

10 pensieri su “sabato 18 maggio

  1. sr rita

    Come ho già scritto ieri, Don Roberto ora cammina sulle montagne del paradiso. Lui è arrivato. Noi siamo in cammino. Don Sandro, a te che sei stato per lui – e lui per te – fratello, padre, madre, amico e molto altro, grazie per l’amore vissuto e condiviso nel nome del Signore. Ora anche te si aprono nuovi interrogativi. Prego, ti affido alla provvidenza che sa come e dove condurti. Sentiti sostenuto dalla preghiera e dalla stima fraterna.

    Rispondi
  2. sr Alida

    Ogni mancanza terrena ,spiace, ancor più di fronte a persone così speciali , ….e di forte condivisione di vita …ma la certezza che don Roberto può ora ritornare a camminare sui monti del paradiso ,consola .Per le poche volte che ho visto don Roberto ringrazio il Signore.
    Grazie di cuore a te don Sandro per quanto comunicato e comunichi di questa rara e preziosa condivisione di vita ,è come il dono di averlo visto e conosciuto di più….Fraternamente e di cuore ricordo lui e te al Signore ….

    Rispondi
  3. Elena

    Sono con voi, prego per voi. Per don Roberto, anima dolce e forte ritornata a casa! Per te, don Sandro, anima forte e generosa che hai ancora un lungo percorso da compiere, come compagno di viaggio per molti. Ti sono grata per ciò che sei!

    Rispondi
  4. Pinuccia

    Anch’io voglio pregare per don Roberto e per te don Sandro. Grazie per la vostra bella amicizia che continuerà in modo diverso e inaspettato. Un abbraccio sincero

    Rispondi
  5. Tiziana

    Prego e ringrazio per don Roberto,persona bella,saggia,umile e caparbia.uomo che ha saputo rivolgersi al Signore come un figlio fa con il padre,amandolo e ponendogli forti interrogativi,ma lasciandosi comunque guidata da Lui. Grazie a te don Sandro,il tuo amico,dal cielo,ricambierà le attenzioni e cure prestate.io semplicemente ti mando un forte abbraccio.

    Rispondi
  6. Laura

    Una preghiera per don Roberto che nel suo libro, citando Nietzsche, scriveva: ” adesso mi trovo davanti alla mia ultima vetta a ciò che più allungo mi fu risparmiato. Sono obbligato a salire su per il più duro dei Sentieri Ho dato inizio alla più solitaria delle mie peregrinazioni.”.. A mio avviso, parole verissimo, tranne che per il finale.. grazie alla presenza di amici ed in particolare di don Sandro Don Roberto non è stato solo di fronte al dolore.. ringrazio Dio per avercelo fatto conoscere e per la testimonianza di don Sandro che ha realizzato con la sua vita cosa vuol dire essere vicino a chi soffre

    Rispondi
  7. Cristina

    Mi unisco anche io alle preghiere per don Roberto. E un abbraccio a don Sandro

    Rispondi
  8. Anonimo

    Tempo fa ci regalaste un libro di don Roberto. Il canto sottile del fieno maturo risuona già nell’agro: don Roberto a far da conforto al mio amico don Sandro.

    Rispondi
  9. Elena

    Grazie don Roberto per la tua vita, per l’esempio quotidiano di come voler bene al Signore anche quando le cose non vanno come vorremmo…. Ora ti penso insieme a Don Bepo… Da lassù sostieni don Sandro, stagli vicino come facevi qui sulla terra. Elena B.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.