Mosè

di | 12 Ottobre 2020

Mosè ha dimestichezza con la camminata, con la scalata. Che sia nel deserto, o in cima al monte Sinai, o quando si guarda in giro camminando per l’Egitto di cui era sovrintendente. Ha dimestichezza con la schiavitù del suo popolo che vuole liberare portandolo via dall’Egitto per condurlo nella terra dei padri, nella terra promessa. Ha dimestichezza con il fuoco ardente che indica una missione: vai dal mio popolo. Ma soprattutto ha dimestichezza con Dio, infatti lui solo tra tutto il popolo può vederlo faccia a faccia. Mosè va solitario, dove la voce lo conduce, a volte queste voce diventa nuvola, altre volte sparisce, a volte è acqua o manna, o tavola delle legge. Ma questa voce lo aiuta  a seguire strade mai battute prima. Mosè è un salvato. L’unico che si sottrae allo sterminio delle nascite dei bambi­ni ebrei ordinato dal Fa­raone, preoccupato dall’incremento demo­grafico della minoranza ebraica residente in Egit­to. Mosè è l’unico scam­pato. E quindi in lui si condensa l’energia dei suoi coetanei, di tutte quel­le vite negate. egli porta con sè tuta l’energia dei suoi amici ebrei. Ha dunque questa energia in e­subero. Energia da dedicare ad un’ impresa di liberazione. E sarà il grande liberatore. Mosè era portatore della energia necessaria per libera­re e  per uscire. Egli era capa­ce di reggere, con le sue pa­role, il compito che la divi­nità gli aveva affidato. quanto poco so reggere io il mio compito! Pa­role tali da riusci­re a smuovere un’intera po­polazione – numerosa, or­mai, perché dall’Egitto si spostano più di un milione e mezzo di vite. Grazie Mosè che ci insegni a cercare energia nuova per liberare il nostro popolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.