Mercoledì 8 marzo

di | 8 Marzo 2017

fioriMatteo 12,33-37                                                                       

33 Prendete un albero buono, anche il suo frutto sarà buono. Prendete un albero cattivo, anche il suo frutto sarà cattivo: dal frutto infatti si conosce l’albero. 34 Razza di vipere, come potete dire cose buone, voi che siete cattivi? La bocca infatti esprime ciò che dal cuore sovrabbonda. 35 L’uomo buono dal suo buon tesoro trae fuori cose buone, mentre l’uomo cattivo dal suo cattivo tesoro trae fuori cose cattive. 36 Ma io vi dico: di ogni parola vana che gli uomini diranno, dovranno rendere conto nel giorno del giudizio; 37 infatti in base alle tue parole sarai giustificato e in base alle tue parole sarai condannato»

Commento

Albero buono e frutti buoni. Dire cose buone, come possiamo se il nostro cuore è cattivo. Solitamente il “dire parole” oggi è circondato da un certo sospetto, perché si può dare l’eventualità che il dire sia copertura e inganno rispetto ad un cuore cattivo, ad un’interiorità non buona. Oggi si discute tantissimo sulle parole vere o false. Qui evidentemente Gesù ci parla di un “dire” profondo. Di come cioè la vita di una persona esprima quello che ognuno ha dentro di sé. Così ascoltiamo: “…come potete dire cose buone…La bocca infatti esprime ciò che dal cuore sovrabbonda”. E poi ci sono le parole vane esse sono quelle che non operano, che non costruiscono. Al contrario “l’uomo buono dal suo buon tesoro trae fuori cose buone”. E’ “parola”, si tratta di un”dire”, che scaturisce come frutto del dono di Dio, e quindi dalla vita nuova che Egli ci dona. Quante volte abbiamo sperimentato la presenza e la comunicazione di questi buoni frutti anche da persone umilissime e mondanamente irrilevanti. Ma, appunto, ricche del dono del Signore.

Preghiamo

In questa giornata festa della donna preghiamo per tutte le donne

3 pensieri su “Mercoledì 8 marzo

  1. Elena

    Penso spesso all’uso che facciamo della parola… e che faccio io quotidianamente. È strabiliante il suo potere ed è nello stesso tempo un potere pericoloso, può essere devastante. Questo Gesù lo sa bene. Ma non si ferma alla parola, arriva al cuore, che muove e genera l’intenzione e la parola. E chiede coerenza, ma anche discernimento. Cuore buono, parola buona, cuore cattivo, parola cattiva. Ma a volte non è così. Da cuori buoni escono parole esauste e svilenti e da cuori cattivi parole melodiose e seducenti. Solo Dio vede cosa ci accade nel cuore in realtà e solo Lui può giudicare i come e i perché. A me però restano la scelta e la responsabilità: da che parte sto e come mi rapporto con gli altri?
    Prego per tutte le donne e, contro ogni forma di violenza, invoco l’intercessione di Maria, Donna fra tutte le donne, benedetta da Dio…

    Rispondi
  2. sr Alida

    L’uomo buono dal suo tesoro trae cose buone .La bocca esprime ciò che dal cuore abbonda..Curare l’interiorità ,perchè siano vere le parole e i gesti siano buoni …Che sono in fondo il dono di vita nuova che Dio ci dà ..Si, ci sono persone umili e non apparenti ,che manifestano questo dono e ne ringrazio il Signore per il loro esempio…Aiutami ,Signore a non vivere in superficie,cura il mio cuore ,in modo da parlare ,tacere ,agire a tempo e modo opportuno…ed evitare parole inutili …Mi unisco alla preghiera per tutte le donne ,guardando a Maria ,la vera donna …

    Rispondi
  3. sr Rita

    Signore cura il nostro cuore, la nostra lingua perché le nostre parole siano buone e seminatrici di bene. Un augurio a tutte le donne.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.