mercoledì 25 ottobre

di | 25 Ottobre 2017

  lettera ai romaniRm 1,8-10                                                                             

8Anzitutto rendo grazie al mio Dio per mezzo di Gesù Cristo riguardo a tutti voi, perché della vostra fede si parla nel mondo intero. 9Mi è testimone Dio, al quale rendo culto nel mio spirito annunciando il vangelo del Figlio suo, come io continuamente faccia memoria di voi, 10chiedendo sempre nelle mie preghiere che, in qualche modo, un giorno, per volontà di Dio, io abbia l’opportunità di venire da voi.

Commento

Paolo non è ancora stato a Roma e quindi non conosce la comunità, ma si ripromette di andarci appena può. Paolo sa anche un’altra cosa: che andare a Roma vuol dire dare  la vita per il vangelo. Ma questo non distoglie l’apostolo nel suo progetto. Un giorno in qualche modo, secondo la volontà di Dio arriverà a Roma. Egli secondo la tradizione cristiana è stato decapitato la dove oggi sorge la basilica di San Paolo fuori le mura. Questo suo desiderio nel saluto iniziale si trasforma in una preghiera, in una liturgia. Una liturgia di lode per la fede dei romani. Quanto dovremmo imparare a lodare Dio per il bene che vediamo attorno a noi e non solo a criticare perché si poteva fare sempre un  po’ meglio. Qui si dice che il “rendere culto” non è riservato alla liturgia. La liturgia è la fonte di un culto che si rende a Dio con la vita. Paolo dice di rendere culto a Dio “nel vangelo del Figlio suo. Non gli rende culto “annunciando il vangelo”, ma, mi sembra, vivendo nel vangelo. La vita cristiana è chiamata ad essere una grande liturgia, continuamente generata e rigenerata dall’evento liturgico della morte e risurrezione di Gesù, che opera in noi la morte della creatura e la risurrezione in noi del Verbo incarnato.

Preghiamo

Preghiamo per Don Aldo

3 pensieri su “mercoledì 25 ottobre

  1. sr Alida

    Rendere grazie …rendere la vita una liturgia….per il bene che vediamo attorno a noi ….per le occasioni ,le opportunità di bene che concede anche a noi …Quanta fiducia e quanto bene ci vuole ..Prego per don Aldo e perchè ci doni il Signore cuore ,occhi ,,e il Suo spirito per compiere ciò che gli è gradito .

    Rispondi
  2. Elena

    Renderti grazie, Signore, per tutto ciò che sei, che fai, per il bello, il buono e per ciò che dà senso alla nostra vita…. per gli incontri e le opportunità di riscatto, di crescita, di miglioramento. Renderti grazie per il sapere di appartenerti, di vivere per Te e di ritornare un giorno a Te. E’ forse questo vivere la liturgia ogni giorno e fare di ogni giorno una liturgia?
    Preghiamo per don Aldo e secondo le intenzioni di ciascuno.

    Rispondi
  3. sr Rita

    Incontrare una persona o pensare ad essa a distanza e poter dire quello che Paolo scrive ai cristiani di Roma mi pare una cosa bellissima. Io lodo il Signore per ciascuno di voi, per l vostra fede, per la vostra dedizione, per il bene che siete e che fate.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.