mercoledì 15 marzo

di | 15 Marzo 2017

fioriMatteo  13,18-23                                                                     

 18 Voi dunque ascoltate la parabola del seminatore. 19 Ogni volta che uno ascolta la parola del Regno e non la comprende, viene il Maligno e ruba ciò che è stato seminato nel suo cuore: questo è il seme seminato lungo la strada. 20 Quello che è stato seminato sul terreno sassoso è colui che ascolta la Parola e l’accoglie subito con gioia, 21 ma non ha in sé radici ed è incostante, sicché, appena giunge una tribolazione o una persecuzione a causa della Parola, egli subito viene meno. 22 Quello seminato tra i rovi è colui che ascolta la Parola, ma la preoccupazione del mondo e la seduzione della ricchezza soffocano la Parola ed essa non dà frutto. 23 Quello seminato sul terreno buono è colui che ascolta la Parola e la comprende; questi dà frutto e produce il cento, il sessanta, il trenta per uno».

Commento

Ho sempre pensato a questo pezzo di parabola come alla spiegazione della parabola stessa. In realtà è vero, ma forse anche più  di un commento. È un riascoltare per comprenderla nel profondo. L’affermazione è interessante perché ricorda che proprio il continuo ritorno all’ascolto della parola è la via semplice lungo la quale il Signore ci porta a luci sempre più profonde della sua esistenza.  E’ come se quell’ “ascoltate” ci invitasse ad un ascolto nuovo di questa Parola antica e sempre nuova! E il “voi, dunque” che apre il versetto sottolinea l’elezione divina che è la porta e la via maestra per entrare sempre e sempre più nel dono di Dio. Leggendola in profondità ne vien fuori che ogni terra si può riferire alla medesima persona e alla medesima comunità Mi sembra cioè che ognuno e appunto ogni chiesa, o famiglia, o gruppo…possa conoscere ognuna delle eventualità descritte dalla parabola come sua propria. Quindi ciascuno a secondo del tempo, delle occasioni, della vita stessa può essere terreno strada, sassoso, spinoso o terreno buono. Questo mi permette di dire che il vangelo del regno non divide in buoni e cattivi, ma che ci aiuta a conoscere le divisioni del cuore e del vita, per saperle ricomporre e dare frutto.

Preghiamo

Preghiamo per Loredana

4 pensieri su “mercoledì 15 marzo

  1. sr Rita

    Terreno buono è colui che ascolta la Pola e la comprende. Mi colpisce il verbo: com-prende= prendere con sé. In questo tempo di quaresima ci si dato di prendere con noi la Parola e lasciarla germinare. Preghiamo per chi vive alla superficie e non sente di nulla.

    Rispondi
  2. Elena

    Mi ritrovo perfettamente nell’essere tutti i tipi di terreno citati da Gesù. È così in ogni ascolto e forse anche in ogni relazione, siamo così mutevoli…. Però, il ritornare sulla Parola e il condividerla con altri, apre ogni volta nuovi spazi di riflessione e di azione e com-prensione.
    Chiedo una preghiera per la mia anziana mamma che sta vivendo momenti molto faticosi: è difficile stare qui, è difficile andarsene….

    Rispondi
  3. Anna

    La Parola puo dare tanto frutto!
    Frutto inaspettato!
    Aiutaci a comprenderlo e ad avere fiducia quando ti sembra di essere nel deserto!
    Preghiamo per la mamma di Elena e per la pace nelle famiglie.

    Rispondi
  4. sr Alida

    Secondo i tempi o luoghi ,si alternano i terreni su cui cade la Parola .Che il Signore ci aiuti a coglierne il vero significato e quello che veramente ci vuol dire attraverso di essa .Mi unisco a tutte le intenzioni espresse .

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.