martedì 24 settembre

di | 23 Settembre 2019

Salmo 77 – MEDITAZIONE NOTTURNA

Tuttavia, senza Dio, la notte è ancor più nera. Non c’è santità senza Dio. Neppure giustizia. Se non c’è Dio, nemmeno l’uomo è più un uomo. Senza offendere gli atei. Anzi, nessuno è così vicino a Dio come l’ateo. L’ateismo non è non credere in Dio. Ateismo, forse, è nella disperazione nuda: la sola forma di ateismo da prendere sul serio.

1 Al maestro del coro. Su «Iedutùn». Di Asaf. Salmo.

2 La mia voce verso Dio: io grido aiuto!
La mia voce verso Dio, perché mi ascolti. 3 Nel giorno della mia angoscia io cerco il Signore,
nella notte le mie mani sono tese e non si stancano;
l’anima mia rifiuta di calmarsi. 4 Mi ricordo di Dio e gemo,
medito e viene meno il mio spirito. 5 Tu trattieni dal sonno i miei occhi,
sono turbato e incapace di parlare. 6 Ripenso ai giorni passati,
ricordo gli anni lontani. 7 Un canto nella notte mi ritorna nel cuore:
medito e il mio spirito si va interrogando. 8 Forse il Signore ci respingerà per sempre,
non sarà mai più benevolo con noi? 9 È forse cessato per sempre il suo amore,
è finita la sua promessa per sempre? 10 Può Dio aver dimenticato la pietà,
aver chiuso nell’ira la sua misericordia? 11 E ho detto: «Questo è il mio tormento:
è mutata la destra dell’Altissimo». 12 Ricordo i prodigi del Signore,
sì, ricordo le tue meraviglie di un tempo. 13 Vado considerando le tue opere,
medito tutte le tue prodezze. 14 O Dio, santa è la tua via;
quale dio è grande come il nostro Dio? 15 Tu sei il Dio che opera meraviglie,
manifesti la tua forza fra i popoli. 16 Hai riscattato il tuo popolo con il tuo braccio,
i figli di Giacobbe e di Giuseppe. 17 Ti videro le acque, o Dio,
ti videro le acque e ne furono sconvolte;
sussultarono anche gli abissi. 18 Le nubi rovesciavano acqua,
scoppiava il tuono nel cielo;
le tue saette guizzavano. 19 Il boato dei tuoi tuoni nel turbine,
le tue folgori rischiaravano il mondo;
tremava e si scuoteva la terra. 20 Sul mare la tua via,
i tuoi sentieri sulle grandi acque,
ma le tue orme non furono riconosciute. 21 Guidasti come un gregge il tuo popolo
per mano di Mosè e di Aronne.

Commento

Si dice che san Francesco avesse scelto questo salmo da recitare nel tempo della prova e della fatica, in particolare il v 3 da recitare in continuazione. Effettivamente il Salmo 77 è una preghiera di un’anima che parla a nome di tanti e che getta sul tappeto le domande fondamentali nella prova: Dio si sta smentendo? Tra passato glorioso e presente tragico c’è mutabilità nell’agire di Dio Queste domande salgono come un’ondata al cuore e scuotono le radici della fede. La notte che la supplica suppone è, quindi, interiore. Ma dopo la crisi descritta nel salmo  e sintetizzata nella frase «Certo ha mutato la mano l’Altissimo!», il salmista si apre all’attesa fondandosi sul «ricordo» del passato salvifico. Il ricordo nella Bibbia non è mera evocazione del passato ma certezza che il seme messo da Dio nella storia deve ancora fruttificare. Qui risiede tutta la nostra speranza. Nella memoria di un  passato di salvezza che rivive ogni giorno nel credente.

Preghiamo

Preghiamo per tutti i giovani.

4 pensieri su “martedì 24 settembre

  1. Sr Rita

    Penso a quanta gente di notte rotola nel letto e piange, e soffre, e impreca, e attende quello che a volte pare che neppure Dio riesca a dare. Le mani alzate sono come un grido che attraversa la tenebra e arriva fino al cielo E Dio non è sordo. Dio ascolta. Talvolta piange.

    Rispondi
  2. Elena

    Le notti sono davvero lunghe ed angosciose per chi soffre. Amplificano la nostra sensibilità e la nostra grande fatica. L’angoscia nel senso di abbandono e di solitudine è ancora piu forte. Ma il Signore ascolta, nel silenzio le grida dell’uomo. Solo, poi, che abbia pietà!
    Prego per le intenzioni di ogni cuore.

    Rispondi
  3. sr Alida

    Il grido ,la ricerca del Signore ,non si può vivere senza Dio ,il grido di ogni ferita o dolore ,sale dal cuore dell’umanità ; che possiamo aiutarci e aiutare ,comunque a credere e sperare ,con chi ci vive accanto e per chi lontano che Dio interviene sempre ,con il Suo cuore di Padre ,ricordando i prodigi del Suo amore …Prego per tutti i giovani e per Chiara.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.