martedì 23 gennaio

di | 18 Gennaio 2016

la stella del mattinoNaum 2,9-14  

9 Ninive è come una vasca d’acqua agitata da cui sfuggono le acque. «Fermatevi! Fermatevi!» ma nessuno si volta. 10 Saccheggiate l’argento, saccheggiate l’oro, ci sono tesori infiniti, ammassi d’oggetti preziosi. 11 Devastazione, spogliazione, desolazione; cuori scoraggiati, ginocchia vacillanti, in tutti i cuori è lo spasimo, su tutti i volti il pallore. 12 Dov’è la tana dei leoni, la caverna dei leoncelli? Là si rifugiavano il leone e i leoncelli e nessuno li disturbava. 13 Il leone rapiva per i suoi piccoli, sbranava per le sue leonesse; riempiva i suoi covi di preda, le sue tane di rapina. 14 Eccomi a te, dice il Signore degli eserciti, manderò in fumo i tuoi carri e la spada divorerà i tuoi leoncelli. Porrò fine alle tue rapine nel paese, non si udrà più la voce dei tuoi messaggeri.

 Commento

Le cronache del tempo annotano che Ninive la grande, nel mese di Ab (luglio – agosto) del 612 a.c. viene conquistata, dopo un lungo assedio da parte dei babilonesi. Questi per conquistare la città fecero saltare tutte le dighe sul fiume Tigri e la città subì una terribile inondazione che fece fuggire tutti gli abitanti. Forse è a questo che si riferisce il profeta quando parla di Ninive come una vasca d’acqua agitata da cui sfuggono le acque. E subito dopo la conquista della città inizia il saccheggio delle grandi e immense ricchezze che lei stessa, Ninive, aveva saccheggiato alle città che aveva conquistato. Il leone potente è ridotto a nulla. Nulla rimane della grandiosa città. Un impero finisce e ne subentra un altro quello dei babilonesi. Questa è la storia degli uomini, dei potenti: diventare grandi, conquistare, saccheggiare e poi finire nell’oblio perché conquistati e saccheggiati a loro volta. Questi sono i tempi della storia. Sono tempi a volte terribili. Noi stiamo vivendo un’epoca che assomiglia a questa. Il profeta Naum dichiara che tale terribile fine della grande città dell’impero è dovuta a delitti, ingiustizie, avidità; per la  superbia che Ninive ostentava a causa della grande e  straordinaria ricchezza che la città possedeva. Tutto questo porta alla rovina… non vado oltre, ma credo che se vogliamo avere pace duratura forse anche noi dobbiamo voltare pagina, cambiare registro e suonare un’altra musica.

Preghiamo

Preghiamo per tutte quelle coppie che sono in difficoltà

Dal vangelo secondo Marco

In quel tempo, di sabato Gesù passava fra campi di grano e i suoi discepoli, mentre camminavano, si misero a cogliere le spighe.  I farisei gli dicevano: «Guarda! Perché fanno in giorno di sabato quello che non è lecito?». Ed egli rispose loro: «Non avete mai letto quello che fece Davide quando si trovò nel bisogno e lui e i suoi compagni ebbero fame? Sotto il sommo sacerdote Abiatàr, entrò nella casa di Dio e mangiò i pani dell’offerta, che non è lecito mangiare se non ai sacerdoti, e ne diede anche ai suoi compagni!».  E diceva loro: «Il sabato è stato fatto per l’uomo e non l’uomo per il sabato! Perciò il Figlio dell’uomo è signore anche del sabato».

4 pensieri su “martedì 23 gennaio

  1. sr Rita

    Che possiamo imparare dalla storia che ci ha preceduto. Ci aiuti il Signore a porre gesti concreti di armonia, di positività, di speranza. E poi Don Sandro non far correre il tempo con tanta fretta. Siamo solo al 19 gennaio…Ciao a tutti.

    Rispondi
  2. Elena

    Leggendo le parole della Bibbia e la storia del popolo ebraico, scopro sempre di più che l’uomo è lo stesso. Uguali i desideri, le ambizioni, uguale la sete di gloria, ricchezza e potere, violenza….
    Ma noto sempre di più che possiamo scegliere, perchè chi conosce le cose e le storie della vita, ha davvero un potere altro: quello della scelta. Libera scelta tra il bene e il male. L’uomo di oggi ha più chances, forse. Eppure….. Prego perchè l’essere umano scelga di vivere una vita più degna e ricca di bellezza, di semplicità e di realtà buone.
    E mi unisco alla preghiera per le coppie in difficoltà.
    Elena

    Rispondi
  3. sr.Alida

    Come una vasca d’acqua agitata da cui sfuggono le acque…Quando l’uomo non sa prendere in mano la sua vita ecco come siamo ,il bene sfugge di mano ,anzichè cogliere il bello del vivere ..per accaparrarsi chissà che cosa…E’ certo si,che occorre cambiare pagina ,suonare un’altra musica.Facci capire ,come Tu sai ,fare ,Signore cosa è importante al nostro vivere.per le coppie in difficoltà ,riportale all’inizio del loro amore…per le intenzioni di oggi ti prego.

    Rispondi
  4. Laura Fumagalli

    niente di nuovo nella storia del mondo.. ed allora Signore aiutaci ad imparare dagli errori, per non commetterne più,.. aiutaci a far emergere il ben che c’è nel mondo perché non si abbia l’impressione che tutto va male, aiutaci ad essere uomini che seminano speranza, non dei lamentosi pessimisti !

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.