martedì 20 dicembre

di | 19 Dicembre 2016

matisse Dal vangelo secondo Luca

Al sesto mese, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallégrati, piena di grazia: il Signore è con te».
A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».
Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio». Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l’angelo si allontanò da lei.

Commento

Continua la lettura di questi vangeli che preparano il natale. Ecco oggi il testo dell’annunciazione a Maria. È un testo molto conosciuto e chissà quante volte fatto oggetto di meditazione da tutti noi, per cui è difficile dire delle cose nuove. Mi piace qui leggerlo in parallelo con la precedente annunciazione fatta dall’angelo Gabriele a Zaccaria, che abbiamo meditato solo ieri.  Mentre il sacerdote Zaccaria – come abbiamo visto – invece di accogliere con fede e con gioia la Parola di Dio, mostra uno scettico pessimismo nella sua incredulità, Maria, al contrario, si abbandona con una fede pura e totale al “Dio dell’impossibile”: “Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola”.  Mi soffermo ancora brevemente su una paroletta breve, ma importante: Eccomi! Essa ricorre molte volte nella Bibbia, soprattutto nelle storie delle vocazioni di tanti personaggi: da Abramo, a Elia, a Isaia, a Geremia… fino a Maria, fino allo stesso Gesù, che, secondo l’Autore della lettera agli Ebrei, entrando nel mondo, dice: «… Allora ho detto: “Ecco, io vengo – poiché di me sta scritto nel rotolo del libro – per fare, o Dio, la tua volontà”» . Fino all’Eccomi di ognuno di noi che il Signore si attende dal nostro consenso alla sua Parola e alla sua Volontà.

Preghiamo

Preghiamo per Matteo, Fabio e Silvia

4 pensieri su “martedì 20 dicembre

  1. Elena

    Eccomi…. Quanto è più facile dirlo al marito, ai figli, al dirigente, si colleghi, agli amici…che non a Dio.
    Forse dovrebbe essere il contrario, però davanti a Dio prendiamo tempo, divaghiamo e rimandiamo ad un improbabile dopo…. Prego per le comuni intenzioni e affido al Signore ogni mio piccolissimo e a volte faticosissimo “eccomi”

    Rispondi
  2. Luca

    Rallégrati, piena di grazia: il Signore è con te

    Che bello iniziare una nuova giornata, una nuova storia, una nuova avventura con questo saluto!
    Anche io mi soffermo sulla differenza tra Maria e Zaccaria: anche a lui viene promessa gioia…Ma sappiamo come va a finire.

    E allora, buona giornata piena di grazia a tutti!

    Rispondi
  3. sr.Alida

    “Eccomi “..una parolina che non si dice mai una volta sola ..Poichè corrisponde a “Sì” ;detto uno ci sono i seguenti …Ascoltare gli annunci di Dio nel quotidiano e rispondere si o eccomi ,a ciò CHE LUI VUOLE..A volte questo ..eccomi oppure sì può diventare eccomi sono quì ancora con il mio niente,solo questo da offrire e ….il mio cuore .Eccomi ,ai momenti lieti e ai momenti piu’ faticosi ,piu’ fiducia in quel mistero di vita che nasce muore e risorge ….Eccomi ,a ciò che ha nulla di evidente e comprensibile,ma chiede un piu’ di fede e di amore.Rendimi attenta agli eccomi che vuoi da me …mi unisco alla preghiera per Matteo ,Fabio e Silvia ,e per il camion che ha Berlino ,ha provocato vittime e feriti ,pare sia un ‘attentato ,per le intenzioni del nostro cuore.

    Rispondi
  4. sr Rita

    “Al sesto mese, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria.” Gli annunci di Dio arrivano in luoghi precisi, in tempi precisi, a persone precise… La storia sacra si costruisce così: attraverso luoghi tempi persone. Oggi, qui, io, noi…siamo elementi della storia della salvezza. Donaci Signore la consapevolezza di questa nostra responsabilità e grazia. Fa in noi quello che tu sai essere buono.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.