martedì 15 ottobre

di | 14 Ottobre 2019

salmo 93 – SOPRA TUTTI I FRAGORI DELLE ONDE

Sì, c’è qualcosa di più alto del fragore dei flutti, del frangersi delle onde, più forte del frastuono di questa nostra storia e del rimbombo dei mari, È il silenzio dell’Infinito, oltre i «sovrumani silenzi»: è l’infinito silenzio di Dio.

1 Il Signore regna, si riveste di maestà:
si riveste il Signore, si cinge di forza.
È stabile il mondo, non potrà vacillare.

2 Stabile è il tuo trono da sempre,
dall’eternità tu sei.

3 Alzarono i fiumi, Signore,
alzarono i fiumi la loro voce,
alzarono i fiumi il loro fragore.

4 Più del fragore di acque impetuose,
più potente dei flutti del mare,
potente nell’alto è il Signore.

5 Davvero degni di fede i tuoi insegnamenti!
La santità si addice alla tua casa
per la durata dei giorni, Signore.

Commento

Con la classica acclamazione  «il Signore regna!», ecco un altro salmo dedicato al regno di Dio dopo quello apparso nel Salmo 47 e in attesa della collezione dei Salmi 96-99, tutti dedicati al regno di Dio. La sovranità di Dio si stende su tutto il cosmo, simbolo di tutto l’essere. Secondo la cosmologia biblica il mondo è visto come un blocco che si erge sull’oceano primordiale, simbolo del nulla e delle forze che insidiano la creazione. Inutilmente le acque gridano come ribelli alzando la loro protesta contro il dominio sovrano di JHWH. Dio controlla e vince il caos ribelle perché la sua voce è più potente del rombo delle acque oceaniche. Eppure questo Dio immenso, onnipotente ed invincibile è vicino ad Israele: al trono altissimo dei cieli subentra nella finale dell’inno il trono dell’arca nel Tempio di Gerusalemme, alla potenza della sua voce cosmica subentra la dolcezza della sua parola nella Torah, la legge biblica. Dio è dolcezza e tenerezza non rombo di tuono. Dio è vicinanza non lontananza, nei cieli.

Preghiamo

Preghiamo per patrizia

2 pensieri su “martedì 15 ottobre

  1. Elena

    Penso alla voce di Dio… penso al sussurro che ti entra nel cuore nel più grande silenzio. Penso alle parole non dette che ti muovono quando tutto è caos e rumore. E che sono scia luminosa di speranza e di tenerezza su cui camminare, a volte in bilico, è vero, attraverso la vita. Non riesco a pensare ad un Dio tumultuoso, imperioso, urlante. La sua voce arriva nella notte, nel suo silenzio, nel buio della solitudine personale ed intima. Dio ama l’intimità dell’incontro… Accompagno Patrizia nella preghiera, la giovane madre e le persone che ci chiedono di essere ricordate.

    Rispondi
  2. Sr Rita

    Una preghiera per la nostra Madre Generale e sr Cinzia in viaggio per Malawi-Kenya.
    Teresa d’Ávila ci ottenga fede robusta e amore ardente.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.